buonismo bergoglio

Il papa: "Gli immigrati sono una ricchezza". Sì, per le coop cattoliche

Il pontefice nella Giornata della Pace: "Chi fomenta la paura verso i migranti semina violenza"

Redazione
Il papa: "Gli immigrati sono una ricchezza". Sì, per le coop cattoliche

Foto ANSA

Gli immigrati sono una ricchezza. Papa Francesco lo aveva detto nell'aprile dell'anno scorso all'incontro con le Caritas. E che i clandestini rappresentino una fonte di ricchezza per certa Chiesa, per talune Caritas e per certe cooperative cattoliche che incassano fondi comunali, regionali ed europei per l'accoglienza è fuor di discussione. Del resto si sa, i fedeli, in bolletta, non sganciano più. E si fa cassa in altro modo. La qual cosa si potrebbe persino tollerare se l'accoglienza pelosa non fosse avvolta nella stagnola del finto buonismo. 

Sul tema dei migranti papa Francesco, che qualche settimana fa sembrava aver preso le distanze dall'accoglienza sperticata e a porte aperte (è durata poco, come immaginavamo) è ritornato il 24, con alcune dichiarazioni sibilline. "Praticando la virtù della prudenza, i governanti sapranno accogliere, promuovere, proteggere e integrare, stabilendo misure pratiche, nei limiti consentiti dal bene comune rettamente inteso". Così il Papa nel Messaggio per la Giornata della Pace, su migranti e rifugiati. "Hanno una precisa responsabilità verso le proprie comunità, delle quali devono assicurare i giusti diritti e lo sviluppo armonico, per non essere come il costruttore stolto che fece male i calcoli e non riuscì a completare la torre che aveva cominciato a edificare". Messa così, sembrerebbe un invito a fare ma non a strafare, togliendo agli italiani. Ma chissà.


Perché il seguito del discorso è l'esatto opposto. In molti Paesi "si è largamente diffusa una retorica che enfatizza i rischi per la sicurezza nazionale o l'onere dell'accoglienza dei nuovi arrivati, disprezzando così la dignità umana che si deve riconoscere a tutti, in quanto figli di Dio. Quanti fomentano la paura nei confronti dei migranti, magari a fini politici, anziché costruire la pace, seminano violenza, discriminazione razziale e xenofobia, che sono fonte di grande preoccupazione per tutti coloro che hanno a cuore la tutela di ogni essere umano".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"
stupro di rimini, l'avvocatessa buonista

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU