schegge duracruxiane

Farci abituare a stupri e omicidi per normalizzare la globalizzazione

Se una civiltà dall'evoluzione spirituale trimillenaria come la nostra viene all'improvviso adulterata demograficamente non riuscirà mai a metabolizzarne il divario

Helmut Leftbuster
Farci abituare a stupri e omicidi per normalizzare la globalizzazione

La globalizzazione, mischiando acque limacciose con acque di sorgente (ciò che i progressisti definiscono “equa redistribuzione delle risorse mondiali”), getta tutto a ribasso, dal livello socioculturale individuale sino alla rimodulazione della sacralità della vita umana a livello collettivo. Se una civiltà dall'evoluzione spirituale trimillenaria come la nostra viene all'improvviso adulterata demograficamente attraverso iniezioni massive di sensibilità dai parametri valoriali troppo diversi, non riuscirà mai a metabolizzarne il divario, rimanendone inevitabilmente infartuata. Il loro progetto agisce su due livelli: uno mediatico e l'altro sostanziale. Col livello mediatico ci bombardano di notizie orrende che fanno calare la soglia di allarme nell'opinione pubblica, assuefacendola gradualmente al bronx che stanno tentando di farci diventare. Poi, con il livello sostanziale, creano le condizioni per la realizzazione pratica del suddetto bronx, cosicché, altrettanto gradualmente, nessuno lo consideri più una condizione ambientale poi tanto orrenda. Il cosiddetto fenomeno della “rana bollita”.

In tutto questo, guai ad evidenziare che la brusca regressione in atto verso una società sempre più violenta (si pensi al fenomeno delle baby-gang prima inesistente) sia ascrivibile agli effetti dell' immigrazione sregolata: vogliono obbligarci all'ossimorica logica per cui quanto più l'esponenzialità del crimine va accettata e tollerata in nome del progresso, tanto più tale progresso va a coincidere con l'imbarbarimento di cui esso stesso è motore in nome della cosiddetta “inclusione”. Poi, col mantra dell'antirazzismo, censurano drasticamente qualsiasi matrice etnica dei crimini, inibendo così qualsivoglia analisi sociologica del decadimento valoriale in atto che non sia quella basata sull'astratto e tipicamente sinistro disprezzo contro il popolo italiano, secondo loro imbarbarito solo per colpa del populismo delle destre: di fatto un popolo di anziani che certo non avrebbero né forza né voglia di delinquere. 

Ebbene, essendo questo il regime mediatico in atto, se non torneremo a scandalizzarci per uno scippo o per un tizio che caga dentro a una fontana, esattamente come avremmo fatto solo qualche decina d'anni fa, la grande sostituzione potrà dirsi realizzata a pieni voti. Non stanchiamoci, dunque, di postare tutte quelle notizie che la stampa di regime relega a miseri trafiletti di cronaca locale, o peggio, non pubblica affatto; poiché se ognuno di noi rinuncia ad impegnarsi in prima persona a sensibilizzare il proprio prossimo su ciò che accade sulle nostre strade e piazze, lasceremo soli tutti quei concittadini magari consapevoli, ma incapacitati e bloccati a strillare anch'essi che il Re è nudo. Inoltre: non commettiamo l'errore di far girare tali verità in quegli anfratti social già sensibilizzati e sodali; usiamo le nostre energie per far girare le notizie occultate proprio là ove sono ritenute scomode o indigeste. Pagine storiche, culturali, sportive, insomma vivai di sensibilizzazione abitati da cani sciolti, indecisi, silenti, disimpegnati che hanno bisogno di sentirsi rinfrancati nelle loro certezze e, soprattutto, non più soli. Forse là per là nessuno plaudirà al vostro impegno; ma state certi che un piccolo “grazie” ve lo dirà un'intera Civiltà.


 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Quanto si muore di Aids in Italia
Hiv e Aids, gli ultimi dati dell'Istituto superiore di sanità

Quanto si muore di Aids in Italia

Gli alieni ci dicono: "Il covid è un esperimento umano"
fotonotizia / tornano i crops nel Wiltshire

Gli alieni ci dicono: "Il covid è un esperimento umano"

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

Scuola targata Azzolina? L’ignoranza al potere…
Spiluccando dal Borghese di ottobre

Scuola targata Azzolina? L’incapacità al potere…


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU