la protesta di confartigianato veneto

Quella "manovrina" che ammazza le partite Iva

''Come con il gioco delle tre carte, il Ministro Padoan ci ha ridotto, sotto il naso, il diritto alla detrazione dell'Iva e ci ha sospeso per 9 mesi il diritto alla compensazione dei crediti"

Redazione
Quella "manovrina" che ammazza le partite Iva

"Con il prestigio e la destrezza degna del miglior illusionista in circolazione, il Governo vara la cosiddetta ''manovrina'' imposta dalla UE, ossia il ritocco ai conti di bilancio da oltre 3 miliardi di euro di cui, più di 2, verranno dalla stretta fiscale su imprese e professionisti. Ma senza - e qui sta il gioco di prestigio- aumentare le tasse!". La critica arriva da Agostino Bonomo, Presidente di Confartigianato Imprese Veneto che sottolinea: ''Come con il gioco delle tre carte, il Ministro Padoan ci ha ridotto, sotto il naso, il diritto alla detrazione dell'Iva, ci ha sospeso per 9 mesi il diritto alla compensazione dei crediti, cancellato le recenti e convenienti regole per la detassazione dei marchi che potevano finalmente favorire il Made in Italy''.

''E non è finita", prosegue. "Volendo appena approfondire la questione, in tema di compensazioni dei crediti erariali, dall'entrata in vigore della ''manovrina'', i crediti Irpef, da addizionali, Irap e Iva potranno essere compensati con altre imposte solo dopo la presentazione della relativa dichiarazione dei redditi e, per importi sopra i 5.000 euro, solo con un visto di conformità apposto sulla dichiarazione stessa (soglia oggi fissata a 15.000 per i crediti diversi dall'Iva). Un adempimento questo, che costerà dai 150 ai 300 euro in più alle imprese. Inoltre, il congelamento dei termini per le compensazioni farà sì che, ad esempio, il credito Irpef scaturente dal periodo d'imposta 2017 e superiore a 5.000 euro, potrà essere utilizzato solo dopo la presentazione della relativa dichiarazione dei redditi, quindi, dopo settembre 2018''.

Secondo Confartigianato veneto "altro colpo gobbo per le imprese, sarà rappresentato dalla riduzione al diritto alla detrazione dell'Iva pagata sulle fatture d'acquisto, da i due anni, ad uno. Volendo semplificare: nel caso di una fattura datata 2016 ma non registrata nel 2016 e, quindi, la cui Iva non è
stata detratta per il 2016, con l'attuale normativa è possibile detrarre l'imposta relativa alla fattura entro aprile 2019 (termine di presentazione della dichiarazione Iva del 2° anno successivo al 2016, quindi relativa al 2018), mentre a seguito dell'entrata in vigore delle nuove disposizioni, la detrazione dell'Iva relativa alla fattura in esempio, avrebbe potuto essere esercitata al massimo entro il termine di presentazione della dichiarazione Iva relativa al 2016, ovvero, entro il 28 febbraio 2017".

''In questo modo", sottolinea Bonomo, "l'imposta rischia di perdere uno dei suoi principi cardine, la neutralità, con relativi danni per l'imprenditore. Tra l'altro, ciò che lascia basiti è l'assenza, per entrambi i provvedimenti appena descritti, di un periodo di transizione. Le nuove regole dovranno applicarsi già alle dichiarazioni fiscali ormai alle porte''.

E continua: "E in tema di rottamazione ruoli e concessione del Durc non mancano le (amare) sorprese. Da febbraio, momento in cui noi di Confartigianato Veneto avevamo a gran voce richiesto l'intervento dei parlamentari veneti in tal senso, era stata promessa l'ufficialità circa il rilascio del Durc alle imprese che aderiscono alla rottamazione delle cartelle, senza aspettare necessariamente il versamento della prima rata, previsto per luglio 2017. Tuttavia, l'ufficialità ha visto la luce solo con il decreto in questione, appena approdato in Gazzetta. Peccato che il termine per la presentazione dell'istanza di adesione alla rottamazione è fissato per il 21 aprile 2017".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Librandi shock: "Il futuro è l'Africa. Sardone pulirai i bagni degli africani"
sinistra muta. pensate se l'avessero detto a una compagna...

Librandi shock: "Il futuro è l'Africa. Sardone pulirai i bagni degli africani"


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU