stava conducendo inchiesta sullo spaccio di droga

Palermo, spari contro la troupe di Striscia allo Zen

Il tetto dell'auto dei cronisti Mediaset è stato sfondato da un pesante blocco di cemento lanciato da un piano alto di una casa

Redazione
Palermo, spari contro la troupe di Striscia allo Zen

Foto ANSA

Nel pomeriggio di domenica a Palermo Vittorio Brumotti e la sua troupe sono stati aggrediti durante un'inchiesta sulla droga. L'inviato di Striscia la notizia si trovava nel quartiere Zen per documentare come avviene e da chi è gestito lo spaccio di stupefacenti, quando verso le 16.00, appena usciti dall'auto, lui e i suoi collaboratori sono stati insultati, minacciati di morte e aggrediti con lancio di sassi da un folto gruppo di abitanti del quartiere.

La troupe di Striscia è rientrata nell'auto blindata per ripararsi dagli aggressori, quando all'improvviso il tetto dell'auto è stato sfondato da un pesante blocco di cemento lanciato da un piano alto di una casa e la portiera è stata perforata da un colpo di arma da fuoco, pare di calibro 12 (lo sta esaminando la Polizia).


Brumotti e i suoi collaboratori sono riusciti a mettersi in salvo solo grazie all'intervento della Polizia e dei Carabinieri e non hanno riportato ferite. E protesta il vicesindaco leghista di Mascalucia, Fabio Cantarella, candidato alla Camera nel collegio plurinominale di Catania e provincia: "Quanto è accaduto è di una gravità inaudita, ma c'è poco di che stupirsi. Chi vive i territori di alcune città, specie quelli periferici, sa bene quanto la mancanza dello Stato si faccia sentire in alcune aree in cui è la criminalità a dettare le regole. Da quelle parti regna insicurezza e i cittadini sono tanto disorientati da aver perso fiducia nello Stato. Un disagio sociale che non colpisce soltanto la Sicilia ma tante altre regioni. Sono certo che un premier come Matteo Salvini riporterà lo Stato lì dove ce n'è di bisogno, a costo di schierare l'esercito in quelle aree roccaforti della criminalità. Occorrono presenza stabile e punizioni esemplari".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Vos Thalassa, fermati i due facinorosi
salvati, han ringraziato a pugni

Vos Thalassa, fermati i due facinorosi

Taglio dei vitalizi, per Ilona sono cazzi
la ex pornostar annuncia ricorso

Taglio dei vitalizi, per Ilona sono cazzi

In 4000 a Ventimiglia per il passaporto Ue. Agli immigrati
buonisti alla riscossa. accampati al cimitero

In 4.000 a Ventimiglia per il passaporto Ue. Agli immigrati

È allarme Listeria
minestrone contaminato

È allarme listeria


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU