IMMIGRAZIONE ASSASSINA

Tunisino litiga con la compagna e la uccide a coltellate

La donna ha trovato le forze per uscire dalla propria casa ma è morta in strada in pieno centro a Novara

Redazione
Auto della Polizia

Foto ANSA

Una coltellata al petto: è stata uccisa così Gisella Purpura, aggredita dal suo compagno, un tunisino, nella loro casa popolare di corso Cavour. L'uomo, Bilel K., 28 anni, è stato subito fermato dalla polizia, che lo ha arrestato mentre i soccorritori tentavano invano di salvare la donna, crollata in una pozza di sangue in strada, dove era scesa per cercare aiuto. Un "delitto annunciato", secondo i vicini di casa, che sentivano spesso litigare quella coppia, due figli portati via dai servizi sociali e qualche problema con la giustizia.


Alle spalle, per lei, una storia di truffe informatiche per la quale in questi giorni era finita a giudizio, mentre lui era stato arrestato la scorsa settimana perchè, forse dopo l'ennesimo litigio con la donna, aveva dato in escandescenza, danneggiando alcune auto parcheggiate vicino a casa. Resistenza, lesioni aggravata a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato e continuato i reati che gli erano stati contestati, che non prevedono l'obbligo del carcere, per cui poco dopo era tornato libero. E i litigi con la convivente erano ripresi. "La vita non è mai come la vedi: si ama e si soffre e forse e più il tempo che stiamo a soffrire che ad amare ed essere felici", scriveva Gisella Purpura, 41 anni, sul suo profilo Facebook, accanto alle foto che la ritraggono con il compagno extracomunitario, qualche piccolo precedente penale, e i figli. Momenti di felicità, per la donna, che sul social si diceva "innamorata.


Eppure tra la vittima e il suo compagno qualcosa non funzionava. "Non passava giorno senza che litigassero", racconta il vicino di casa, al terzo piano di corso Cavour ; "ogni volta era sempre peggio. Le forze dell'ordine sono dovute intervenire spesso per riportare la calma, ma non c'era niente da fare. Ero sicuro che prima o poi sarebbe accaduto qualcosa di grave...". Quasi una previsione di quello che è accaduto ieri pomeriggio, sotto lo sguardo terrorizzato dalle numerose persone che affollavano il corso pedonale della città. La coppia ha iniziato a discutere davanti a casa, in strada. Poi, mentre rincasavano, la situazione è degenerata: le parole sono diventate urla e, quando erano ancora per le scale, l'uomo ha tirato fuori un coltello e l'ha colpita. Nonostante la ferita, la donna ha trovato la forza di tornare in strada, ma è morta all'arrivo dei soccorsi. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Matite indelebili: chiedeva trasparenza, è stata denunciata
cc in azione a san biagio di agrigento

Matite indelebili: elettrice protesta, finisce denunciata

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica
la lettera di un militante di palermo

Salvini e il Sud: la rinascita della buona politica

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU