Le dannate, il primo libro- inchiesta di Massimo Giletti

Chiara Grassini
È il primo libro-inchiesta scritto da Massimo Giletti edito da Mondadori e uscito a metà aprile 2019. Il giornalista ripercorre le vicende delle sorelle Napoli di Mezzojuso e lo fa attraverso una narrazione precisa, meticolosa e dettagliata nonostante le complesse vicende. Suddiviso in quindici capitoli, il libro inizia dal prologo dove la descrizione è ricca di verbi che richiamano la sfera emotiva e altri rimandano al concetto di semplicità. Occupa gran parte della prefazione un parallelismo tra la natura circostante e il vissuto del conduttore. Il lessico diviene familiare e intimo quasi come se partecipasse allo stato emotivo e ai sentimenti del presentatore. Nel corso della lettura emergono espressioni tipicamente siciliane come " MORIU" o "CALATI IUNCU CA PASSA LA CHINA" e citazioni o riferimenti letterari di Leonardo Sciascia e Luigi Pirandello. I capitoli sono abbastanza lunghi e man mano che si procede nella lettura l'autore interviene, si cala nei panni dei personaggi, si interroga e da consigli. Insomma, prende la parola ed esprime un suo punto di vista oltre a tracciare un profilo storico di alcuni esponenti della mafia locale. Significativa - così potremmo dire- è la descrizione della malattia di Totò Napoli, padre delle tre sorelle. La sua personalità mette in risalto un uomo forte, determinato e coraggioso. Tutte caratteristiche che si riscontrano in Marianna, Irene e Ina. La paura, un tema che torna spesso al centro del libro, si contrappone alla forza e alla caparbietà delle Napoli. " Coracea e tosta" e " solare ed estroversa" sono gli attributi che meglio sintetizzano il loro carattere. Giletti studia i personaggi, li osserva, riflette e trae delle conclusioni mettendo ancora una volta in risalto i propri sentimenti come lo stupore e le emozioni forti che prova durante il racconto. Il linguaggio ruota attorno a frasi semplici e a volte brevi. Scorrevole e di facile lettura, il lessico utilizza spesso termini giuridici non di immediata comprensione. Nel corso della lettura si nota un Giletti prima indignato e poi determinato se non curioso. Ricorda i suoi esordi giornalistici e televisivi facendo emergere passione e dedizione nel suo lavoro. Non solo: conosce bene i luoghi summenzionati nel testo. Nomina vie, strade e paesi come Guddemi e Corleone. In altre parole guida il lettore dall'inizio alla fine per far comprendere le vicende delle sorelle Napoli.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Senza Salvini ci tolgono pure il Natale
abolita la recita natalizia in un asilo anconetano

Senza Salvini ci tolgono pure il Natale

La politica secondo Povia
Fotonotizia / Paladozza strapieno per Salvini
regionali: bologna accoglie il capitano

Fotonotizia / Paladozza strapieno per Salvini

La bella Sinistra "antirazzista"
se il leghista è di colore offenderlo diventa sacrosanto...

La bella Sinistra "antirazzista"

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU