Manifestazione a Roma

Mai più bambini in carcere

Varie associazioni schierate davanti al Ministero della giustizia in difesa delle donne-madri e dei più deboli

Giuseppe Brienza
Mai più bambini in carcere

In corso a Roma la manifestazione promossa dall’Associazione Donne per la Sicurezza Onlus (Segretario Nazionale Dott.ssa Anna de Sanctis) davanti al Ministero della Giustizia dal titolo “Mai più bambini in carcere!”. Fino alle ore 13 sono presenti con cartelli e un piccolo presidio presso piazza Benedetto Cairoli vari rappresentanti delle associazioni che, dal Popolo della Famiglia a Realtà Nuova, hanno aderito all’iniziativa, intrapresa anche in memoria dei due piccoli bambini morti per mano della loro madre, Alice Sebesta, detenuta presso la casa circondariale di Rebibbia.

Esiste in effetti una norma nel Codice di procedura penale italiano che dispone il collocamento delle madri detenute con minori in un Istituto di custodia attenuata (ICAM). Purtroppo però, in un Comune grande come quello di Roma - che è anche la Capitale d’Italia! - , vi è un unico ICAM, nel quartiere Eur, composto di sole otto stanze.

Ricordata con la manifestazione di stamane è accaduta all’interno della sezione nido dell’istituto di detenzione dove era ristretta la sopra citata Sebesta e, può e deve costituire l’occasione per chiedere alle Istituzioni e al titolare del dicastero della giustizia, il Cinque Stelle Alfonso Bonafede, un impegno concreto per l’attuazione della legge n. 62 del 21 aprile 2011. Quest’ultima norma, infatti, pur introducendo l’art. 285 bis del codice di procedura penale, il quale prevede che qualora la persona da sottoporre a custodia cautelare in carcere sia rappresentata da donna incinta o madre di prole di età non superiore ai sei anni, il giudice ne può disporre la tutela presso un istituto a custodia attenuata per detenute madri (ICAM, appunto), è rimasto in gran parte sulla carta.

Anzitutto l’Associazione Donne per la Sicurezza chiede giustamente di provare a trasformare qualcuna delle tante strutture ed edifici sottratti alla mafia o alla criminalità organizzata, in altrettanti ICAM. Un provvedimento concreto destinato alle donne e alla protezione dei minori, che permetta di lasciare il più possibile le mamme, che pure hanno sbagliato compiendo reati, con i loro figli che non hanno nessuna colpa e il diritto naturale ad essere accuditi ed amati dai loro genitori. Non lasciare, così, che colpe di questi ultimi ricadano sui bambini separando di fatto delle donne-madri dai loro figli. Sebbene detenuti ai cittadini e alle cittadine ristrette non dovrebbe in effetti essere sottratto il diritto-dovere di crescere ed educare i loro bambini. “No ai bambini in carcere”, in effetti, è uno dei più giusti efficaci e giusti slogan presentati questa mattina a Roma dalla delegazione dei manifestanti, in attesa di essere ricevuti dai vertici del Ministero.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padova, "Siamo profughi, no sfratta". Ma la casa è piena di droga
La Madonna rapiva le mucche
mutilazioni animali

La Madonna rapiva le mucche

VIDEO / Salvini ad Oristano. Ed è bagno di folla
il capitano infiamma la sardegna

VIDEO / Salvini ad Oristano. Ed è bagno di folla

Spilimbergo per le popolazioni Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate
Stasera proiezione gratuita del film “Red Land - Rosso Istria”

Spilimbergo per le popolazioni Istriane, Fiumane, Giuliane e Dalmate

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

Francesco sui migranti: c'è anche un "dovere morale di tutelare i diritti dei propri cittadini"
Esce finalmente un volume su tutto il magistero di Papa Bergoglio sull'immigrazione

Francesco sui migranti: c'è anche un "dovere morale di tutelare i diritti dei propri cittadini"

La Chiesa torna denunciare l’usura
Mons. Delpini: Lettera ai parroci di Milano

La Chiesa torna denunciare l’usura


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU