mini-killer assassinano militanti curdi

L'Isis diffonde un video con bambini che uccidono. Uno sarebbe britannico

Le immagini, diffuse nella notte di venerdì, mostrano cinque ragazzini in abiti militari, armati con pistole, di fronte a una fila di cinque uomini in ginocchio vestiti di arancione come i detenuti

Alfredo Lissoni
L'Isis diffonde un video con bambini che uccidono. Uno sarebbe britannico

Un fotogramma del video incriminato. Foto ANSA

Lo Stato islamico (Isis) ha apparentemente diffuso un video di propaganda che mostra cinque bambini, uno dei quali sarebbe di nazionalità britannica, che assassinano prigionieri curdi. Lo ha riferito sabato la stampa inglese, riprendendo il video da Site. Le immagini, diffuse nella notte di venerdì, mostrano i cinque ragazzini in abiti militari, armati con pistole, di fronte a una fila di cinque uomini in ginocchio vestiti di arancione come i detenuti e definiti "prigionieri". 15 gli uomini "giustiziati".


Nelle immagini di ognuno dei bambini è fornito il nome alla maniera dell'Isis, cioè con una parte di esso che indica la provenienza. Uno di loro - un ragazzino bianco con occhi azzurri - è indicato come Abu Abdullah "al Britani", cioè il britannico. L'identità non è stata identificata. Gli altri sarebbero di nazionalità tunisina, egiziana, curda e uzbeka. La loro età è valutata tra i 10 e i 13 anni. Non è chiaro dove siano state effettuate le riprese.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU