ad arezzo

Muore per overdose, in manette due tunisini

Due ordinanze di custodia cautelare in carcere per la morte di un tossicodipendente nel luglio 2019, ritrovato senza vita nella sua auto dopo essersi iniettato l'ultima letale dose di stupefacente

Redazione
Muore per overdose, in manette due tunisini

La squadra mobile di Arezzo ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare in carcere per il caso della morte per overdose di un tossicodipendente nel luglio 2019, ritrovato senza vita nella sua auto dopo essersi iniettato l'ultima letale dose di stupefacente.

Dalle analisi del telefono rinvenuto nella disponibilità del cadavere, infatti, gli investigatori della Squadra Mobile sono risaliti ai due spacciatori, B.S.H. 53 anni e A.F. 50 anni, entrambi tunisini e con alle spalle numerosi precedenti per droga, che si dividevano il telefono utilizzato per l'attività di spaccio e contattato per l'ultima volta anche dal tossicodipendente deceduto. E' iniziata pertanto una meticolosa attività investigativa che ha permesso di accertare e appurare come i due tunisini fossero un chiaro punto di riferimento dello spaccio di cocaina ed eroina soprattutto nella zona di Piazza Guido Monaco e dei giardini Porcinai, nei pressi della panchine posizionate vicino ai bastioni. In particolare i due arrestati, a dimostrazione di una spiccata e consolidata attitudine allo spaccio, erano soliti tenere in bocca le dosi di droga già confezionate e pronte alla vendita, al fine di poter velocemente eludere, ingoiando gli involucri, eventuali controlli di Polizia. Stessa tecnica, a volte, è stata inoltre riscontrata negli acquirenti, che allo stesso scopo, dopo aver acquistato la dose di droga la collocavano immediatamente in bocca.

L'attività investigativa condotta ha consentito di accertare varie cessioni di stupefacenti e ha permesso, inoltre, di appurare come i due avessero frequenti e costanti contatti con numerosi tossicodipendenti aretini, delineando, pertanto, per i due tunisini, un profilo criminale non limitato a sporadiche cessioni di droga ma, al contrario, ad una chiara sistematicità nello spaccio nella zona dei Porcinai, attuato come sopra accennato, anche con modalità tali da rendere ancora più complessa l'attività di controllo delle forze di Polizia. I due tunisini, al termine delle formalità di rito, sono stati condotti presso la casa circondariale di Firenze.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Gli alieni ci dicono: "Il covid è un esperimento umano"
fotonotizia / tornano i crops nel Wiltshire

Gli alieni ci dicono: "Il covid è un esperimento umano"

Lombardia, è coprifuoco: è l'Ora X: primo morto italiano
coronavirus, Due infetti anche a Padova

Lombardia, coprifuoco Ora X: primo morto italiano

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

Scontri a Napoli, i centri sociali danno la colpa...ai poliziotti
insurgencia: "Smentiamo insulti, minacce, accerchiamento e aggressioni"

Scontri a Napoli, i centri sociali danno la colpa...ai poliziotti

A Roma vigili no mask: "È solo un'influenza"
fotonotizia / la denuncia de il messaggero

A Roma vigili no mask: "È solo un'influenza"

Rom arrestata durante un furto. Era ricercata da sei anni
beccata in un centro commerciale a viterbo

Rom arrestata durante un furto. Era ricercata da sei anni


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU