le lobbies non demordono

Brexit: come punire l’Inghilterra

La Bretagna va colpita in maniera esemplare; così l’Unione Europea affonda il coltello nel cuore della democrazia

Andrea Lorusso
Brexit: come punire l’Inghilterra

“Ogni pecorella che abbandonerà il recinto verrà abbattuta.” Potrebbe capeggiare questa frase a Bruxelles, dato il comportamento ignobile che questa Istituzione applica con i Paesi dissidenti, che paventano la possibilità di uscire da un’area burocratica. Cipro e Grecia sono stati gli esempi più violenti, ma neanche la Spagna o la nostra cara Italia sono state risparmiate, per molto meno, con la deposizione di Silvio Berlusconi nell’album dei ricordi. Il Presidente Ue Juncker dopo il voto britannico: “Non sarà una separazione consensuale, usciranno il più velocemente possibile.” E così 60 banchieri centrali si sono riuniti a Basilea per studiare effetti e contraccolpi della Brexit. Adesso, per decisioni politiche (non economiche) debbono dimostrare che abbandonare l’Unione sia una grave colpa che comporta soltanto disastri, ma i disastri li provocheranno per scelte volontarie. Grandi gruppi come Deutsche Bank, Morgan Stanley, Hsbc, sono spinti a licenziare i dipendenti della più importante piazza finanziaria d’Europa (Londra, vorrei ricordarlo, è ancora in Europa. Non ha messo le rotelle trasferendosi in Cina, è l’Europa geografica che conta).

Uno stolto isolazionismo che hanno provato perfino in Russia, con cui c’è l’embargo. Visa, Mastercard ed American Express su impulso governativo annunciarono di staccare i circuiti nel Paese di Putin, il quale serafico rispose: “Se spengono i circuiti monetari, ce ne faremo uno nostro”. Capitolo chiuso, il Mondo è restato com’è. Ma di fronte ad un teorico sogno d’unità che si frange, è la forza dei numeri a parlare. Per quanto proveranno, nel breve periodo, a dare un colpo ai sudditi di sua Maestà, il tutto rientrerà come in una parodia d’un film horror. Primo, perché la pressione fiscale sulle imprese è già la più bassa d’Europa con il 32% di imposizione. A dispetto del 48,8% tedesco o il terroristico 64,8% dell’Italia. E nulla vieta di rendere ancora più attrattivo il Paese.

Secondo, Bank of England è una banca sovrana a dispetto di quel fantoccio chiamato BCE, quindi è garante di ultima istanza del debito pubblico. Per intenderci, attacchi speculativi sul debito sovrano non potranno essere attuati, la Banca Centrale in momenti di turbolenza come questo ricomprerà tutti i titoli invenduti o re-immessi sulla Piazza non facendo impennare gli spread. Terzo, la Borsa che perde l’8% e la sterlina che si svaluta sono due reazioni fisiologiche. I traders spostano i capitali sulle paure, sui sentimenti, sull’onda del momento. Vogliono stabilità da cimitero, ma poi si riequilibrano. Mentre per la moneta è un atto naturale quando è libera di fluttuare per adattarsi alle curve del mercato senza essere agganciata ad un cambio fisso. Se rimanesse stabile, distruggerebbe l’economia del Paese. Un po’ quel che fa l’euro. Oppure ciò che ha fatto a pezzi l’Argentina quando con un pesos agganciato ostinatamente al dollaro, ha finito per schiacciare le aziende.

Quarto, mettendo i dazi è l’Europa che si chiude da dentro con il Mondo fuori. Il Regno Unito non è un produttore o un esportatore, ma un importatore netto. I britannici comprano da noi e i loro acquisti valgono il 2% del PIL europeo, come spiega bene il prof. Bagnai sul suo blog finanziario. Siamo noi ad avere bisogno di loro, non loro di noi. Avete mai visto un commerciante non vendere per antipatia? Potreste rispondermi che ci siamo castrati da soli con la Russia, e questo ci ha fatto perdere 7 miliardi di scambi, è vero. Ma a noi italiani! In questo caso Germania e Francia sono molto più esposti, e voi conoscete bene la sensibilità della Merkel quando si tratta del suo Paese.

Gli inglesi hanno voluto riprendere il controllo delle frontiere, rideterminare gli ingressi, controllare l’immigrazione, clandestina od europea, non subire la concorrenza selvaggia su case e lavoro. Hanno voluto riprendersi una fetta di sovranità che avevano devoluto in cambio di un sistema fallace, inconcludente e che esautora il popolo da alcune scelte inalienabili. Avevano la cella più grande e comoda dei 28, ma si son resi conto che per quanto comoda, è pur sempre una galera.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione rubando la democrazia ai cittadini
"si sta rubando la democrazia ai cittadini "

Una maggioranza illegittima non può cambiare la Costituzione

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

È morto Fidel Castro
cuba piange il lider maximo

È morto Fidel Castro

Fidel è morto
la vignetta di krancic

Fidel è morto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU