DOPO LA BREXIT IL DILUVIO?

Politici inglesi tra leadership ed economia

Osborne rassicura: mitigheremo l'impatto sull'economia, il Ministro delle Finanze potrebbe contrastare ambizioni pemiership Johnson

Alex Bazzaro
George Osborne

Foto ANSA

Dopo aver passato in silenzio il triste fine settimana post Brexit, il ministro delle Finanze britannico George Osborne è tornato a farsi sentire lanciando rassicurazioni e promettendo che l'esecutivo "lavorerà molto duramente per mitigare l'impatto sull'economia" della decisione. E "per ricordare alla gente che i fondamentali dell'economia sono solidi", ha detto in una conferenza stampa il 45enne conservatore. Al tempo stesso Osborne ha affermato di "non rinnegare" le previsioni allarmistiche su quelle che sarebbero state le conseguenze negative per l'economia di un voto pro Brexit. E del resto non potrebbe fare altrimenti dopo la baraonda vista nelle ore successive al referendum.


Secondo il Financial Times le sue dichiarazioni fanno presagire possibili misure di politica economica a supporto dell'economia per l'immediato, anche se successivamente si renderanno necessarie correzioni tramite tagli alla spesa o aumenti delle tasse. Ma soprattutto il quotidiano ragiona sulla possibile parte che Osborne potrebbe giocare nella lotta per la successione al premier David Cameron tra i conservatori, in particolare nel rapporto con l'ex sindaco di Londra Boris Johnson. Quest'ultimo tra i maggior sostenitori della Brexit, ha recentemente attestato che la solidità dell'economia Gb è merito del ministro. Ma Osborne potrebbe non ricambiare la cortesia e appoggiare Stephen Crabb oppure Teresa May, ottenendo in cambio di restare nella squadra di governo magari come ministro degli Esteri.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Asti, legata e violentata per 24 ore da due tunisini
sequestrata e nascosta in uno scantinato

Asti, legata e violentata per 24 ore da due tunisini

Corea del Nord: "La guerra è inevitabile"
e fu così che sparì pyongyang

Corea del Nord: "La guerra è inevitabile"

L'Europa odierna è sulla via del tramonto: come la vecchia Unione Sovietica
il piano segreto di Merkel, Macron e Juncker

Klaus: "L'immigrazione? Voluta ad arte per annientarci"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU