Usa-Cuba, cambia la linea

Donald Trump: "È morto Fidel Castro, un dittatore brutale" e ricorda i suoi orrori

"Le tragedie, le morti e il dolore che ha causato non possono essere cancellati. Faremo tutto il possibile per garantire al popolo cubano prosperità e libertà"

Redazione
Donald Trump: "È morto Fidel Castro, un dittatore brutale" e ricorda i suoi orrori

Donald Trump e Fidel Castro. Composizione da foto ANSA

La notizia della morte di Fidel Castro è arrivata in una Washington al bivio, sospesa nel rito della transizione, e ha acceso i riflettori sulle relazioni tra Cuba e gli Stati Uniti. Donald Trump in campagna elettorale si è detto favorevole a una normalizzazione diversa però da quella prevista da Obama, promettendo un cambiamento di linea. Sabato il presidente eletto ha inneggiato alla scomparsa del tiranno comunista e attaccato il "dittatore brutale". La prima reazione è stata ufficializzata attraverso un tweet che sembrava uno slogan: "Fidel Castro è morto!".

Poi sono arrivati gli auspici: "Se Cuba rimane un'isola totalitaria, è nelle mie speranze che la giornata di oggi segni il suo distacco dagli orrori sopportati troppo a lungo verso un futuro in cui il magnifico popolo cubano viva finalmente nella libertà che merita". Quindi l'impegno: "Le tragedie, le morti e il dolore causati da Fidel Castro non possono essere cancellati, ma la nostra amministrazione farà tutto il possibile per garantire al popolo cubano che possa finalmente cominciare il suo cammino verso la prosperità e la libertà. Mi unisco ai molti cubano-americani che tanto mi hanno sostenuto nella campagna presidenziale".

Trump una volta entrato alla Casa Bianca potrebbe quindi modificare radicalmente il processo avviato dal suo predecessore, che aveva aperto a scambi commerciali con l'isola caraibica. Il tono del presidente eletto sembra essere una chiara risposta alle condoglianze di Obama, il quale ha affermato di lasciare alla Storia il giudizio su Fidel Castro e sull'"enorme impatto di questa singolare figura sulla gente e sul mondo attorno a lui". Il presidente uscente ha rivendicato la propria linea: "Durante la mia presidenza, abbiamo lavorato duro per lasciarci il passato alle spalle".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU