IMMIGRAZIONE VIOLENTA

Uccise per poche decine di euro. Resta in carcere il tunisino Imed Lassoued

Aveva ammazzato a coltellate un senegalese per un piccolo debito legato alla droga, le autorità ricercano un connazionale suo complice

Redazione
Coltello

Foto ANSA

La Procura di Bologna, con il Pm Claudio Santangelo, ha chiesto la convalida del fermo e la custodia cautelare in carcere per Imed Lassoued, 38enne tunisino accusato dell'omicidio del senegalese Omar Sylla, avvenuto nella notte tra il 22 e il 23 agosto in via Niccolò dell'Arca. L'udienza sarà fissata davanti al Gip Letizio Magliaro.

La contestazione per il nordafricano, che ha precedenti per reati di stupefacenti, è di omicidio volontario, oltre che di porto illegale del coltello utilizzato per colpire la vittima. L'indagato, interrogato ieri dal magistrato e dei Carabinieri, ha in sostanza detto di essersi difeso da un'aggressione e di non aver avuto intenzione di uccidere. Alla base della lite ci sarebbe un debito di droga di poche decine di euro. Per l'episodio è indagato a piede libero un altro tunisino, presunto complice dell'omicida a cui avrebbe passato l'arma, su cui però gli inquirenti non hanno elementi significativi per procedere.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU