Alta tensione in Germania

Rivolta della Csu contro gli immigrati, la Merkel rinvia la ricandidatura

Un'ala del partito chiede di "riflettere se limitare gli ingressi dei musulmani" e la cancelliera posticipa l'annuncio del nuovo mandato all'inizio del 2017

Redazione
Rivolta nella Csu contro gli immigrati, la Merkel rinvia la ricandidatura

"Confini sicuri, futuro sicuro". Da Twitter

Sonni agitati per la cancelliera tedesca, che a causa della sua politica dell'accoglienza si ritrova ora contro un'ala importante del suo partito. Dopo che la Csu, l'ala bavarese dei cristiano-democratici, ha chiesto di selezionare gli immigrati in arrivo escludendo i musulmani perché la loro religione è "lontana" dai valori e dalla cultura dei tedeschi, sabato 27 agosto Der Spiegel, citando fonti interne al partito, ha rivelato che Angela Merkel ha rimandato all'inizio del prossimo anno l'annuncio della decisione su una sua nuova candidatura. Secondo lo Spiegel, i consiglieri della cancelliera hanno deciso che sarebbe stato troppo rischioso politicamente annunciare la candidatura senza avere il sostegno dichiarato del premier bavarese.

Per la seconda volta quindi la Merkel, in carica dal 2005, è costretta a rinviare la decisione riguardo alla candidatura al quarto mandato, annunciata in un primo momento per l'inizio di quest'anno. Di fronte all'emergenza immigrazione e alle relative tensioni, la Merkel aveva deciso di rinviare a dopo l'estate l'annuncio. Ora deve rimandare di nuovo, perché non è arrivata l'indicazione che Horst Seehofer, leader della Csu critico sulla politica dell'accoglienza, appoggerà la sua candidatura. Il rinvio crea un problema interno: la Merkel dovrebbe confermarsi per altri due anni alla guida del partito al congresso che si terrà il prossimo dicembre, ma questo potrà accadere solo se sarà anche il candidato cancelliere della Cdu alle elezioni del 2017.

Nel presentare la bozza del nuovo programma della Csu, Die Welt sintetizza nel titolo che l'ala destra della Cdu "non può immaginarsi musulmani in Lederhose", i pantaloni di pelle della tradizione bavarese. La cancelliera teme l'avanzata dei nazionalisti, in particolare Alternativa per la Germania che, secondo un recente sondaggio, potrebbe rivelarsi la terza forza politica con il 21 per cento dei consensi alle elezioni regionali del 4 settembre in Meclemburgo. Sabato un altro di questi partiti, Identitäre Bewegung, ha calato sul monumento simbolo di Berlino, la Porta di Brandeburgo, uno striscione con scritto "confini sicuri, futuro sicuro" distribuendo volantini che affermano che il governo tedesco "sta cercando di sostituire i tedeschi con immigrati musulmani".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

L'America di Trump dice NO!
Intervista a George G. Lombardi

L'America di Trump dice NO!

Gigantesca tegola su frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit
sondaggio shock: il 67% vuole lasciare la Ue

Gigantesca tegola su Frau Merkel: i tedeschi vogliono la Dexit

Israele brucia, la stampa censura
L'esperto: "ecoterrorismo, Italia attenta!"

Israele brucia, la stampa censura

È morto Fidel Castro
cuba piange il lider maximo

È morto Fidel Castro


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU