e vogliono entrare nella ue

La Turchia dei "diritti umani". Dove la misoginia è legge

Ad Ankara un marito manesco è stato ritenuto colpevole di avere picchiato più volte la moglie, condannata a sua volta per "aver fatto gonfiare la mano al marito" per le botte prese

Redazione
La Turchia dei "diritti umani". Dove la misoginia è legge

Incomprensibile Turchia. Vuole entrare nella Ue, ritiene di rispettare i valori propri della (peraltro atea) Unione europea. E poi "toppa" pesantemente sulla questione dei diritti umani, delle donne in particolare. E questo, senza che le "anime belle" della Sinistra nostrana o europea abbiano alcunché da obiettare.

Già, perchè in Turchia persino la legge è a senso unico. E ne fa fede l'episodio accaduto l'anno scorso, quando due coniugi sono stati condannati dalla Corte penale di Ankara, con l'accusa di essersi ripetutamente maltrattati a vicenda. E sin qua nulla di strano, se non fosse per le motivazioni con cui sono state inflitte le pene, una multa di tremila lire turche. Mentre l'uomo è stato ritenuto colpevole di avere picchiato più volte la moglie, colpa della donna sarebbe stata l'aver fatto gonfiare la mano al marito per le botte prese. La decisione ha suscitato aspre critiche negli ambienti intellettuali e mediatici moderati, di cui pealtro Erdogan se ne frega alla grande.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Travaglio condannato per diffamazione
per un articolo sulle intercettazioni

Travaglio condannato per diffamazione

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU