multato e incarcerato

Arabia Saudita, in prigione l'attivista delle donne

L'uomo è stato riconosciuto colpevole di aver "incitato a porre fine alla tutela delle donne" in una serie di dichiarazioni postate su Twitter e visibili su dei manifesti pubblici

Redazione
Arabia Saudita, in prigione l'attivista delle donne

Un saudita (di cui non è stato rivelato il nome) è stato condannato ad un anno di carcere per avere militato a favore dell'abolizione del sistema di tutela che dà agli uomini il potere di controllo sulle donne di questo regno musulmano ultraconservatore: lo ha indicato il quotidiano Okaz. Un tribunale penale della città di Dammam (Est) ha anche inflitto una multa di 30.000 rial (7.650 euro) a quest'uomo riconosciuto colpevole di aver "incitato a porre fine alla tutela delle donne" in una serie di dichiarazioni postate su Twitter e visibili su dei manifesti pubblici, ha precisato il giornale.

Il saudita è stato arrestato mentre appendeva dei manifesti in delle moschee del distretto di al Hasa, ha riportato Okaz, aggiungendo che, durante l'interrogatorio, la polizia ha scoperto che era responsabile di una campagna online per mettere fine al sistema di tutela sille donne. L'imputato ha assicurato di aver solamente lanciato una "campagna di sensibilizzazione" dopo aver scoperto che alcune "donne della sua famiglia subivano questa ingiustizia", ha proseguito il quotidiano.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Clandestini, chi ci mangia
l'inchiesta shock de la verità

Clandestini, quando si dice risorsa...

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita
carpi, Vittima 19enne per bottino da 100 euro

Tunisino lo sfregia al volto per rapinarlo, ragazzo rovinato a vita

Immigrati, chi ci campa?
accoglienza e bastonate

Immigrati, chi ci campa?

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU