Aumenti folli

Stangata da 130 milioni di euro sugli automobilisti: forti rincari dei carburanti

Prezzi in salita sulla rete italiana, nonostante i mercati siano fermi. Codacons: "Per un pieno, si spendono dai 5 ai 7 euro in più rispetto al Capodanno 2015"

Redazione
Stangata da 130 milioni di euro sugli automobilisti: forti rincari dei carburanti

Foto ANSA

Non si sono fermano i movimenti in salita sulla rete carburanti italiana. Nonostante i mercati internazionali dei prodotti petroliferi siano fermi per le festività, ai rialzi di Eni di venerdì scorso sono seguiti il giorno della Vigilia i ritocchi all'insù dei prezzi raccomandati di benzina e diesel di TotalErg (+1 cent) e, mercoledì, quelli di Esso (+1 cent sui due carburanti).

In base all'elaborazione di Quotidiano Energia dei dati alle 8 di martedì comunicati dai gestori all'Osservaprezzi carburanti del Mise, il prezzo medio nazionale praticato in modalità self della verde è pari a 1,530 euro/litro, con i diversi marchi che vanno da 1,527 a 1,542 euro/litro (no-logo 1,507). Per il diesel si rileva invece un prezzo medio pari a 1,381 euro/litro, con le compagnie che passano da 1,375 a 1,396 euro/litro (no-logo a 1,359). Quanto al servito, per la benzina il prezzo medio praticato è di 1,646 euro/litro, con gli impianti colorati che vanno da 1,598 a 1,722 euro/litro (no-logo a 1,535), mentre per il diesel la media è a 1,500 euro/litro, con le compagnie da 1,460 a 1,571 euro/litro (no-logo a 1,387). Il Gpl, infine, va da 0,572 a 0,585 euro/litro (no-logo a 0,563).

Una "stangata" da 130 milioni di euro "si sta abbattendo" in questi giorni sugli italiani che hanno deciso di spostarsi in auto per le feste di Natale e Capodanno, determinata da questi forti rincari: lo denuncia il Codacons, chiedendo mercoledì in una nota l'intervento del Governo per sterilizzare gli aumenti. Secondo l'associazione, a fine 2016 per un pieno di benzina si spendono circa 4,85 euro in più rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; per un pieno di diesel l'aggravio di spesa raggiunge 6,7 euro.

"Questo perché - si legge nella nota - i distributori di carburanti hanno applicato consistenti aumenti dei listini alla pompa: la verde costa mediamente il 6,6% in più rispetto al 28 dicembre 2015; per il gasolio i rincari raggiungono il +10,5%. Gli aumenti dei prezzi di benzina e gasolio determineranno una stangata di Capodanno pari a 130 milioni di euro a carico delle famiglie in vacanza - afferma il presidente Carlo Rienzi - Il Governo deve assolutamente intervenire, sterilizzando i rincari e riducendo la folle tassazione sui carburanti che pesa oramai per il 70% su ogni litro di benzina e gasolio acquistato dagli automobilisti".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più
i nostri anziani trattati come parassiti

Il rammarico di Padoan: gli italiani non crepano più

Non solo via mare: drone svela l'esodo biblico attraverso la Slovenia
Scontro tra PD e M5S
stracci volanti In Consiglio Comunale

Ius soli, a Torino è scontro tra PD e M5S

Il Pil italiano cala ancora
Vota il tuo mini Bot: quale preferisci?
Il concorso lanciato da Claudio Borghi

Vota il tuo Mini BOT: quale preferisci?


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU