Chi taglia e chi spreca

Enti Locali a dieta ma Stato all'ingrasso: così il nostro debito pubblico si impenna

Mentre negli ultimi due anni comuni, province e regioni hanno diminuito il loro debito di 10 miliardi, quello statale è aumentato invece di ben 100 miliardi

Redazione
Enti locali a dieta ma Stato all'ingrasso e così il debito pubblico si impenna

Foto ANSA

Enti locali virtuosi, Stato sprecone: è calato di quasi 10 miliardi di euro il debito pubblico di comuni, province e regioni negli ultimi due anni, messi a dieta dai tagli e dai vincoli di bilancio, mentre la voragine nelle finanze statali è cresciuta di oltre 100 miliardi. Se il "rosso" degli enti territoriali è sceso da 99 miliardi a 89 miliardi (-9%) dal 2014 al 2016, quello delle amministrazioni centrali è invece schizzato da 2.037 miliardi a 2.138 miliardi (+5%), col risultato che il debito pubblico italiano è arrivato, alla fine dello scorso anno, a quota 2.228 miliardi, in crescita di 91 miliardi (+4%) rispetto alla fine del 2014. Questi i risultati principali di una analisi diffusa venerdì dal Centro studi di Unimpresa sull'andamento del debito pubblico italiano negli ultimi due anni.

Secondo l'analisi dell'associazione, basata su dati della Banca d'Italia, il debito pubblico dello Stato centrale è passato negli ultimi due anni dai 2.037,7 miliardi di dicembre 2014 ai 2.138,9 miliardi di novembre 2016 con un incremento di 101,2 miliardi (+4,97%); a dicembre 2015, il buco nei conti dello Stato era arrivato a 2.079,7 miliardi, quindi la variazione sugli ultimi 11 mesi è pari a 59,1 miliardi (+2,85%). In netta controtendenza risulta l'andamento complessivo del debito degli enti locali (comuni, province, regioni): dai 99,1 miliardi di dicembre 2014, il valore è sceso ai 92,7 miliardi di dicembre 2015 e ancora più in basso a 89,9 miliardi di novembre 2016. Su base annua la diminuzione registrata è pari a 2,8 miliardi (-3,12%), mentre rispetto a due anni fa il calo è di 9,2 miliardi (-9,36%).

La performance negativa dello Stato centrale ha dunque contribuito a far impennare il totale del debito pubblico del Paese che a dicembre 2014 era a 2.136,9 miliardi per poi salire, 12 mesi più tardi, a 2.172,5 miliardi con un incremento di 56,2 miliardi (+2,59%). Alla fine del 2016 (novembre) il debito era arrivato a 2.228,8 miliardi con un aumento di 91,9 miliardi (+4,30%) rispetto al 2014. "I dati sono utili per riflettere sugli indispensabili tagli alla spesa pubblica. Negli ultimi anni si è spesso puntato il dito contro le autonomie locali, sostenendo che i disastri della finanza pubblica siano provocati dalla periferia e non dalle amministrazioni centrali. Invece, è evidente come proprio a livello territoriale si registri una gestione virtuosa del debito, ridottosi a tutti i livelli nelle regioni, nelle province e nei comuni" commenta il presidente di Unimpresa, Giovanna Ferrara.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

La bufala delle pensioni pagateci dagli immigrati
Quei Boeri indigesti per l'Italia...

La bufala delle pensioni pagate dagli immigrati


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU