apertura dell'anno giudiziario

Il Procuratore di Milano: "Giustizia al collasso"

Alfonso: "L'esistenza di un'organizzazione criminale per agevolare Cosa Nostra, nei lavori di Fiera Milano spa, sono un fatto assai grave per la città"

Redazione
Il Procuratore di Milano: "Giustizia al collasso"

Col Pd commissioni antimafia a gogò e il risultato? Qualche titolo sui giornali e tanta fuffa. Già, perché "l'Amministrazione della Giustizia resta al collasso". A dirlo è il procuratore generale di Milano, Roberto Alfonso, nella relazione per l'inaugurazione dell'anno giudiziario, sabato. "Invochiamo un intervento urgente e serio del Governo, affinché adotti tutti i provvedimenti necessari per il buon funzionamento della Giustizia", sottolinea il magistrato.


"Pur apprezzando davvero gli sforzi del Ministro della Giustizia non si può non osservare che, a fronte di una crisi ormai cronica della giustizia, tutto ciò che rimane è un bando di concorso per l'assunzione di 800 assistenti giudiziari. Ossia meno del 10% delle vacanze degli organici del personale amministrativo. Così stando le cose, l'Amministrazione della giustizia resta al collasso", aggiunge il procuratore generale di Milano. "Il sistema", sottolinea, non consente di "rispondere alle esigenze del cittadino; rallenta le aspettative delle imprese; non rende competitivo il Paese; non consente di uniformarsi al dettato costituzionale della ragionevole durata del processo; rende difficoltoso il rispetto del principio di obbligatorietà dell'azione penale, per l'inadeguatezza delle risorse".


"L'esistenza di un'organizzazione criminale finalizzata alla commissione di una serie indeterminata di reati in materia tributaria", per "agevolare l'associazione mafiosa denominata Cosa Nostra, nei lavori di Fiera Milano spa sono un fatto assai grave per la città di Milano", aggiunge il Procuratore nella sua relazione.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Barcellona, l'amica di Driss: "Mi chiese di convertirmi all'Islam"
Parla l'italiana che ebbe con lui una relazione

Barcellona, l'amica di Driss: "Mi chiese di convertirmi all'Islam"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU