Onestà italiana

Il bel gesto di un padre milanese dopo il furto commesso dal figlio

Aveva rubato una bici del bike sharing, ma il genitore avendolo scoperto ha scritto una lettera di scuse ai gestori mettendosi a disposizione per coprire le spese per il costo di riparazione

Ismaele Rognoni
Il bel gesto di un padre milanese dopo il furto commesso dal figlio

Il sistema di bike sharing a Milano

Una sera di metà gennaio un ragazzo ha deciso di rubare una delle bici utilizzate per il bike sharing a Milano, forzando la serratura che la teneva collegata alla postazione e portandola a casa sua. Ma quando il padre ha scoperto il furto commesso dal proprio figlio, ha deciso di non rimanere in silenzio a fare finta di niente.
Ha infatti scritto una lettera di scuse alla società che gestisce il bike sharing, ossia la Clear Channel Italia, mettendosi a disposizione per pagare personalmente la riparazione e i danni relativi al furto commesso.

I gestori hanno ringraziato il genitore con una lettera di risposta: "La ringraziamo per la sua sensibilità e per il senso civico dimostrato. Per questa ragione le confermiamo che non ci deve nulla per l'accaduto e che la nostra società si accolla i costi per la riparazione. Sono sicuro che lei saprà trasmettere a suo figlio l'importanza di un comportamento corretto nell'uso della cosa pubblica". 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Roma, aggredisce i passanti con una mannaia e rischia il linciaggio
chiedeva soldi davanti al centro commerciale di guidonia

Roma, aggredisce i passanti con una mannaia e rischia il linciaggio

Re Mida
Matteo Salvini, da Gianburrasca a stratega della politica nazionale. Come nasce un leader

Re Mida

Roma, aggredisce i passanti con una mannaia e rischia il linciaggio
chiedeva soldi davanti al centro commerciale di guidonia

Roma, aggredisce i passanti con una mannaia e rischia il linciaggio

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo
non la lasciano in pace neanche da morta

Trento, c'è Yara nel dossier del pedofilo


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU