E gli italiani? Quelli sempre dopo

AAA... Adotta un "profugo"! Il PD in Toscana li vuole distribuire tra le famiglie: 500 euro al mese

Annunciato in pompa magna un "patto di solidarietà" per cercare casa ai richiedenti asilo, con tanto di numero da chiamare: 055 4383030. Il compenso? Si parla di 16 euro al giorno alla famiglia, 19 al gestore (leggi "coop")

Luca Morisi
AAA... Adotta un "profugo"! Il PD in Toscana li vuole distribuire tra le famiglie

Composizione grafica del "Populista" con foto ANSA

La priorità del governo PD della Regione Toscana? Far adottare i "profughi" alle famiglie. E gli italiani in difficoltà? Quelli vengono sempre dopo. Dieci mesi dopo la prima richiesta che la Regione aveva inviato al ministero degli interni, il Viminale ha concesso l'autorizzazione e la Regione, guidata da Enrico Rossi, ha firmato ieri con la prefettura, a Firenze, il protocollo d'intesa. Et voilà: da oggi, 28 luglio, è di nuovo attivo il numero telefonico a cui privati e famiglie, intese in senso anagrafico e disponibili ad accogliere un profugo in casa, potranno rivolgersi.

Dagli ambienti del governo toscano fanno notare - entusiasticamente - che questa è la prima esperienza del genere in Italia estesa ad un intero territorio regionale. Il numero non sarà più quello attivo fino a novembre dello scorso anno, a cui in un paio di mesi si erano rivolti in seicento per mettere a disposizione 250 posti in casa e duecento appartamenti da affittare. Risponde sempre la Regione, ma si dovrà chiamare lo 055 4383030: la prima settimana, fino all'inizio di agosto, dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 (il giovedì anche dalle 14 alle 17) ma poi le fasce orarie saranno ampliate. "Con l'accoglienza in famiglia apriamo una nuova frontiera che rafforza il modello toscano di accoglienza diffusa" sottolinea l'assessore all'immigrazione della Regione, Vittorio Bugli. "Aiuterà anche l'integrazione e la reciproca conoscenza - aggiunge -. Infatti il richiedente asilo diventerà un nome, un cognome e un volto: una persona conosciuta che vive nelle comunità, ancora più di oggi". "Ora - prosegue - sara' decisivo il coinvolgimento dei Comuni".

E sul versante compenso? Perché qui non si parla di gratuità ospitalità, come vorrebbero far credere i dirigenti del Pd abituati a riempirsi la bocca di solidarietà terzomondista. Per le spese di vitto e alloggio le famiglie ospitanti percepiranno un contributo pari a 16 euro al giorno - riferisce Repubblica.it - per tutto il tempo di permanenza del "migrante". Inoltre saranno loro a scegliere l’ente gestore con cui firmare il patto, anche se la prefettura inviterà a scegliere la coop più vicina alla loro abitazione. 

Dura opposizione dei consiglieri regionali della Lega in Toscana che stanno predisponendo una mozione per contrastare l'iniziativa e per sottolineare le molte incongruenze e carenze del protocollo d'intesa e del cosiddetto "patto di solidarietà" (clicca qui per scaricare il documento completo).

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

Si è dimesso
renzi al colle da mattarella

Si è dimesso. Ora al voto!

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU