curarsi con la fitoterapia

Indigestione, quel peso sullo stomaco

Si può manifestare facilmente come sgradita conseguenza di un pasto troppo ricco di grassi o troppo abbondante. Ecco cosa fare

Redazione
Indigestione, quel peso sullo stomaco

Quando si ingerisce più cibo di quanto il nostro stomaco è abituato a ricevere, lo si costringe ad un lavoro eccessivo che comporta innnanzitutto una esagerata secrezione dei succhi gastrici e di acido cloridrico. Di conseguenza le pareti gastriche si irritano, la digestione non avviene e i muscoli che tappezzano in più fasci lo stomaco si muovono in maniera scoordinata, provocando la comparsa di nausea o vomito. Altri sintomi tipici che compaiono in caso di indigestione sono crampi addominali, gonfiore, bruciori allo stomaco che possono risalire fino all'esofago e talora diarrea.


Generalmente l'indigestione non è un disturbo preoccupante e si risolve rimanendo digiuni per le ore immediatamente successive all'episodio e osservando una dieta leggera per i giorni a venire. Anche l'eventuale comparsa di qualche linea di febbre deve essere considerata collaterale all'indigestione. Solamente se gli episodi si ripetono con frequenza o se i disturbi non tendono ad attenuarsi anche dopo alcuni giorni di dieta è necessario consultare il medico.

Esistono alcuni rimedi omeopatici per chi vuole ridurre i disturbi che accompagnano l'indigestione. La Nux vomica per eccesso di alcolici; Antimonium crudum per l'indigestione causata da troppo cibo, quando la lingua si presenta bianca e ricoperta da una patina spessa ed è frequente l'eruttazione del sapore di ciò che si  mangiato. Argentum nitricum è utile per l'indigestione di dolci, quando i dolori si accompagnano ad eruttazioni brucianti; Bryonia quando i dolori peggiorano col movimento e si placano stando sdraiati e c'è sete marcata. Tutti i rimedi appena elencati si possono prendere fino a tre volte al giorno nella dose di tre granuli per volta, alla diluizione 5 CH o 7 CH, finchè non si ottiene un miglioramento dei sintomi.


Infine, la fitoterapia suggerisce di utilizzare la tintura madre di menta nella dose di 15/20 gocce per tre volte al giorno, o in alternativa di preparare un infuso di menta piperita (due prese di erba in una tazza di acqua, lasciando in infusione per una decina di minuti).

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU