sinistra vs Dio

La sinistra bandisce Dio dalle scuole

Ogni avvio d’anno scolastico porta con sé polemiche di ogni genere, ora tocca alla Messa cattolica

Andrea Lorusso
La sinistra bandisce Dio dalle scuole

Foto Panorama.it

Che Dio fulmini chi pratica il rito cattolico nelle scuole, potrebbe sintetizzarsi così il trailer che ogni anno ad ogni avvio d’anno scolastico, va in onda tra gli scolari, figlio del laicismo più belligerante.

Pordenone ed Imola sono sotto la lente d’ingrandimento delle polemiche. Nella prima cittadina, il Sindaco su carta intestata del Comune ha invitato le famiglie a partecipare alla “cerimonia di avvio anno scolastico” officiata dal Vescovo, tra l’altro fuori orario curriculare. Mentre nella seconda, la preside di un plesso ha la grave colpa di avere lasciato libertà agli studenti di poter partecipare alla messa e poi rientrare a lezione.

Apriti cielo! Consiglieri comunali del PD, responsabili CGIL, hanno subito stigmatizzato l’evento come una rudimentale forma di lavaggio cerebrale: “Che sia l’amministrazione comunale ad inaugurare l’anno scolastico in chiesa è un gesto fuori dal tempo” ha sentenziato Daniela Giust, segretaria del circolo PD di Pordenone. Ovviamente l’assurdità del dissentire ha lasciato di stucco il Vescovo che sulle pagine de Il Messaggero Veneto ha replicato: “Non capisco queste contrapposizioni e la volontà di polemizzare sempre e comunque”.

Ed in effetti oltre all’italico vizio di pontificare su qualunque argomento dello scibile umano, c’è un particolare astio negli ultimi anni verso le pratiche religiose. Hanno cominciato dicendo che andassero tolti i presepi a Natale, abolite le recite, i crocefissi dalle aule, e anche l’ora di Religione andrebbe riformata in “Storia delle religioni”, parlando anche di Islam e compagnia cantante.

Le radici giudaico-cristiane che accomunano non solo la nostra storia, ma quella Europea, andrebbero estirpate come rami secchi del passato, catene mentali da cui liberarsi per emanciparsi e proiettarsi nel futuro. Come se quel Cristo in Croce guardasse con ostilità e punisse chi non la pensa come lui. Come se, un simbolo della nostra fede, potesse davvero urtare carnalmente e spiritualmente l’educazione dei bambini. Il più delle volte viene totalmente ignorato e forse, neanche ci avremmo fatto caso se qualcuno però non si fosse preso la briga di farcelo notare, e con violenza ci avesse imposto di abiurare alla nostra tradizione.

La storia non si fa con ammassi di carne che si moltiplicano nel tempo, ma con cultura, usi, storie, famiglie, credi e costumi. Lo Stato ha il dovere di essere laico nella sua giurisdizione, ma mai laicista nel rinnegare la propria esistenza.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU