IL CALIFFATO TRA NOI

Botte ai genitori costretti con la forza a convertirsi all'Islam

Al processo di Milano emergono le verità su Maria Giulia Sergio, la prima "foreign fighter" italiana volata in Siria a sostenere l'Isis

Redazione
Foto ANSA

Maria Giulia Sergio, convertitasi all'Islam con il nome di Fatima

"Maria Giulia era una ragazza educata, dolce, carina e non riesco a spiegarmi cosa le sia scattato in testa, è passata dal dirmi 'ti ringrazio perché mi hai insegnato a studiare' a 'meno male che siamo arrivati noi musulmani a salvare voi cristiani!'". Questo è il racconto del "percorso mentale" di Maria Giulia Sergio, convertita all'Islam col nome di 'Fatima' e prima foreign fighter italiana partita per la Siria nel 2014, reso da un'amica della famiglia Sergio, testimone nel processo milanese a carico della presunta terrorista dell'Isis, del padre Sergio Sergio, del marito Aldo Kobuzi e di altre due persone.


Sia la testimone che un'altra donna teste, nipote di Sergio, hanno spiegato mercoledì in aula, davanti ai giudici della prima Corte d'Assise di Milano, come l'uomo e sua moglie Assunta Buonfiglio (morta nei mesi scorsi dopo essere finita in carcere, così come il padre di 'Fatima') "non erano contenti di convertirsi all'Islam: Assunta era molto cattolica e non voleva diventare musulmana ma ha ceduto e soffriva, mentre Sergio l'ha fatto solo per fare contente le figlie". La sorella di 'Fatima', infatti, Marianna Sergio, che viveva anche lei a Inzago (Milano), dopo essere finita in carcere per terrorismo internazionale è stata già condannata ad oltre 5 anni con rito abbreviato, a seguito dell'inchiesta del procuratore aggiunto Maurizio Romanelli e del pm Paola Pirotta.


"Mi é stato riferito che dopo la conversione di tutta la famiglia si sentivano tante urla in quella casa e anche che le due figlie picchiavano la madre", ha spiegato l'amica di famiglia. "Sergio, ha aggiunto, era un bonaccione, una persona non normale, un po' ritardato, una persona semplice e buona e non capace di opporsi e Maria Giulia era diventata in pratica il capofamiglia". L'uomo avrebbe dovuto essere interrogato mercoledì, ma non è stato tradotto dalla provincia di Avellino (dove vive ora agli arresti domiciliari) all'aula bunker davanti al carcere milanese di San Vittore. L'esame è stato rinviato al prossimo 26 ottobre. 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il mandante
parola di Sultano

Il mandante

Tu, islamico, ferma gli assassini maomettani!
Londra, il primo cittadino musulmano non batte un colpo

Tu, islamico, ferma gli assassini maomettani!

Reggio Calabria, sequestrata una tonnellata di bianchetto
Merce stivata in un camion per la Sicilia

Reggio Calabria, sequestrata una tonnellata di bianchetto


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU