TANTI CITTADINI PRESENTI ALLA SEDUTA

Migranti sgomberati, Forano dice no al sindaco PD

Il primo cittadino ha chiesto di esprimere formalmente la propria contrarietà al trasferimento 'in qualsiasi forma o modalità di ulteriori migranti, sia richiedenti asilo che aventi già permesso di soggiorno'

Fabio Cantarella
Migranti sgomberati, Forano vota 'no' al trasferimento su richiesta del sindaco del Pd

Un momento della seduta consiliare convocata in via straordinaria

Il Comune di Forano, in provincia di Rieti, dice no al possibile trasferimento di circa 40 rifugiati sgomberati lo scorso 24 agosto dallo stabile di via Curtatone, a Roma. In una seduta straordinaria del consiglio comunale è stata messa al voto una mozione presentata dal sindaco Marco Cortella (Pd). Il primo cittadino chiedeva di esprimere formalmente la propria contrarietà al trasferimento 'in qualsiasi forma o modalità di ulteriori migranti, sia richiedenti asilo che aventi già permesso di soggiorno'. La mozione è stata approvata con otto voti favorevoli.

Numerosi cittadini hanno assistito al consiglio comunale straordinario. "Figuriamoci se conosco chi sono le persone che dovrebbero arrivare", risponde il primo cittadino alla domanda di un anziano. "Ma sono bianchi o neri?", replica l'anziano, suscitando le risate degli astanti. "Quando il nemico è alle porte bisogna imbracciare lo schioppo!", esorta un altro residente. E l'improvvisato pubblico ride, ma non risparmia gli applausi. "Ho paura per davvero - dice un signore sulla sessantina -, ma proprio non possiamo. Siamo un paese povero, non possiamo mantenere nessuno. Non manteniamo neanche i nostri" "Non mi fanno paura - spiega un'altra cittadina presente alla riunione -. Io non ho paura delle persone che potrebbero venire qui. Io ho paura di non poterle accogliere e di passare per quella che non li vuole". "Questa gente che viene qua, che cosa fa? Ha un lavoro? - si chiede un cittadino - Ho paura di no".


"Ancora oggi - ha affermato il sindaco di Forano (Rieti), Marco Cortella (Pd) - non ho avuto nessuna comunicazione, né ufficiale né tantomeno ufficiosa dal Comune di Roma o dalla Prefettura. E' una inciviltà istituzionale - spiega il primo cittadino -. Un sindaco deve essere rispettato e considerato per il ruolo che ricopre. Non dimentichiamoci che secondo la normativa nazionale il sindaco è ufficiale di governo per problemi di sicurezza e di sanità pubblica e ha responsabilità verso il territorio che amministra", aggiunge. "Ho appreso la decisione solo attraverso la stampa - continua il sindaco -. C'è una mancanza di notizie ufficiali, che avrei invece dovuto ricevere". La contrarietà, precisa ancora Marco Cortella, non ha nulla di ideologico. "Abbiamo progetti strutturali di accoglienza di richiedenti asilo da due anni e mezzo. Ne ospitiamo 40 a fronte di poco più di tremila residenti. Abbiamo fatto accordi di programma con il prefetto di Rieti per fargli svolgere opere di pubblica utilità. Stiamo cercando un percorso di integrazione, anche con l'aiuto di una cooperativa che si occupa di insegnare la lingua. Cosa diversa sarebbe raddoppiare il numero di migranti sul territorio. Diventerebbe un problema di sostenibilità economica da parte dell'ente".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire
"non si può stare col capo coperto"

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire
"non si può stare col capo coperto"

Bologna, col velo in tribunale. Il giudice la fa uscire


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU