L'APPROFONDIMENTO

Pulizia etnica in Turchia

Ankara continua ad attribuire ai curdi le responsabilità di ogni attentato, vere o false che siano. E nelle città di scatenano persecuzioni di sinistra memoria

Redazione
Pulizia etnica in Turchia

Foto ANSA

I turchi hanno scatenato i pogrom, le persecuzioni, nei confronti dei curdi; non solo nei teatri di battaglia, ma anche nel cuore delle città. Si tratta di una guerra civile "nascosta" a cui il mondo guarda, ma fingendo colpevolmente di non vedere. “Non vogliamo operazioni, vogliamo un massacro” è lo slogan che già l'anno scorso è stato scandito a Besiktas, nel cuore di Istanbul,  nel corso di una manifestazione notturna organizzata da un nutrito gruppo di uomini vicini al governo e ai nazionalisti. Le ondate di violenza che hanno colpito la Turchia hanno spinto gli osservatori internazionali a parlare di rischio di guerra civile. Mai infatti era accaduto, in trent’anni di guerra tra il PKK e lo Stato turco (con un bilancio di 40 mila morti), che la popolazione turca arrivasse ad attaccare i curdi per la loro appartenenza etnica.


Ma dopo i sanguinosi attentati realizzati dal PKK contro militari e forze di polizia a Daglica e Igdir, semplici civili, operai, agricoltori sono stati aggrediti per il fatto di essere curdi, o per essere ritenuti tali dagli aggressori. Un uomo è stato accoltellato alla schiena, un altro picchiato e obbligato a baciare la statua di Atatürk. L'Occidente ha dietro l'angolo una guerra civile ove la ragione non sta con nessuno, un "conflitto minore" alla quale la politica internazionale sta assistendo silente ed impotente, correndo il rischio di portarsela in casa. Altro che Turchia nell'Unione Europea... 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Immigrati, arriva Juncker. E parla di "Stati ipocriti"
"Alcuni paesi rifiutano di potenziare controllo frontiere"

Immigrati, arriva Juncker. E parla di "Stati ipocriti"

Quell’incrocio perverso fra “nuovi diritti” e immigrazione clandestina
Permesso di soggiorno per convivenza di fatto: altro regalo al racket

Quell’incrocio perverso fra “nuovi diritti” e immigrazione clandestina

"No rimpatrio". E le "risorse" incendiano il Centro accoglienza
Se il Mahatma mi casca sul "cafro"...
Gandhi e i cortocircuiti fra razzismo e antirazzismo

Se il Mahatma mi casca sul "cafro"...

La "finestra di Overton": come la Sinistra manipola la realtà
grande fratello e lavaggio del cervello

La "finestra di Overton": come la Sinistra falsa la realtà

Amnesty International schiuma di rabbia: l'attacco a Salvini
Non hanno digerito lo stop all'invasione clandestina

Amnesty International schiuma di rabbia: l'attacco a Salvini


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU