amri segnalato "sette volte"

Berlino: l'antiterrorismo sottovalutò il killer. L'ultimo sms: "Allah lo vuole"

La centrale tedesca per la lotta al terrorismo si è occupata della figura di Amri a più riprese nel corso del 2016, ma ha giudicato poco probabile che questi potesse compiere un attentato...

Redazione
Berlino: l'antiterrorismo sottovalutò il killer

L'antiterrorismo tedesco avrebbe sottovalutato il pericolo rappresentato dal tunisino Anis Amri, il presunto autore della strage al mercatino di Natale di Berlino. La centrale tedesca per la lotta al terrorismo si è occupata della figura di Amri a più riprese ("minimo sette volte") nel corso del 2016, ma ha giudicato poco probabile che questi potesse compiere un attentato, scrive il quotidiano Sueddeutsche Zeitung.

Malgrado diversi indizi, l'antiterrorismo, su una scala da 1 a 8 (dal più pericoloso al meno pericoloso), ha attribuito ad Amri il livello 5, che significa che "un atto di violenza è poco probabile". Le autorità tedesche avevano già ammesso, poco dopo la strage, che il tunisino era noto ai servizi di polizia e schedato come individuo potenzialmente pericoloso da alcuni mesi. Da febbraio a settembre di quest'anno era stato persino messo sotto sorveglianza della polizia di Berlino perché si temeva preparasse  un attentato. Poi il suo nome era stato archiviato in mancanza di elementi sufficienti, secondo la procura di Berlino.

La Sueddeutsche Zeitung scrive anche, citando fonti vicine alle indagini, che Amri, poco prima di lanciare il camion sulla folla del mercatino, avrebbe inviato una foto di se stesso alla guida e un sms nel quale scriveva: "Prega fratello mio, tutto va bene, lo vuole Allah, sono nell'auto, prega per me". Il destinatario sarebbe stato il 40enne tunisino fermato mercoledì nella capitale.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Roma, senegalese tenta di stuprare una donna. Gli inquilini lo fanno arrestare
allupato come una bestia, salta addosso a quarantenne

Roma, senegalese tenta di stuprare una donna. Gli inquilini lo fanno arrestare

Detenuto marocchino vuota il sacco: "Ecco chi ha fatto fuggire Igor"
Rivelazioni agli atti dopo lettera dal carcere di Biella

Detenuto marocchino vuota il sacco: "Ecco chi ha fatto fuggire Igor"

Ronaldo e Messi nel mirino dell'Isis
non risparmiano nemmeno gli sportivi!

Ronaldo e Messi nel mirino dell'Isis


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU