Manovre di Palazzo

Gentiloni e l'irresistibile voglia di non mollare la poltrona

Il premier al di là delle dichiarazioni di facciata pare muoversi con l'intento di restare a Palazzo Chigi il più a lungo possibile

Redazione
Gentiloni e l'irresistibile voglia di non mollare la poltrona

Foto ANSA

Sarà per garantire il vitalizio ai parlamentari di prima nomina, sarà per garantire una poltrona a tutti, sarà perché l’appetito di potere vien mangiando, ma le ultime mosse di Gentiloni fanno pensare che il neo premier non abbia alcuna voglia di mollare la cadrega. In particolare colpisce la cura con cui sta distribuendo nuovi incarichi e prebende. Per esempio pare intenzionato a stoppare la nomina di De Luca a commissario della sanità in Campania, voluta da Renzi attraverso un emendamento di fatto ad personam infilato nella legge di stabilità.

Un indizio su come il grigio premier possa averci preso gusto, tentando così di smarcarsi dall’eredità renziana per restare aggrappato a Palazzo Chigi il più a lungo possibile. Renzi dal canto suo avrebbe mosso alcune pedine, da Matteo Orfini a Luigi Zanda, allo scopo di mettere pressione a Gentiloni sottolineando la provvisorietà del suo governo. Lui però sembra tirare dritto, evitando in apparenza di intervenire nelle lotte tra correnti che dilaniano il Pd. Zitto zitto potrebbe puntare al 2018, in barba alla larga maggioranza degli italiani che il 4 dicembre ha parlato in maniera molto chiara. Piccola annotazione: sarà grigio, però quando Gentiloni dice che la Boschi l'ha voluta lui è davvero irresistibile. Risate a non finire.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Qualcuno salvi Spelacchio!
50mila euro dei contribuenti buttati al vento

Qualcuno salvi Spelacchio!

Qualcuno salvi Spelacchio!
50mila euro dei contribuenti buttati al vento

Qualcuno salvi Spelacchio!

Milano, squadristi rossi in Comune e Sala alza il pugno e tace
Vilipendio, offese e minacce da parte dei "democratici"

Milano, squadristi rossi in Comune. Sala alza il pugno e tace


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU