adesso si esagera...

CIE "all inclusive": "Cercasi puttane per clandestini"

Lo richiede, tramite Facebook, il coordinatore di un centro accoglienza della Val d'Isarco in Alto Adige , che propone il sesso come strumento di integrazione

Fabio Montoli
CIE all inclusive:  "Cercasi puttane per clandestini"

Foto da facebook

Cosa frulli nel cervello del sig. Armin Mutschlechner, indicato dal Secolo Trentino come "sedicente cooperatore" e "tra i coordinatori del centro" che ospita i clandestini in Alta Valle Isarco, nessuno osa pensarlo. Troppo complicato per le menti normali di noi populisti. Coraggio, di certo, ne ha da vendere. Il suo pubblico "sfruttamento alla prostituzione" lascia impietriti, non solo per l'azzardata richiesta fuorilegge, quanto per il contenuto dell'annuncio.

"Cercasi puttane, possibilmente giovani, per soddisfare le voglie sessuali dei 44 clandestini, ospiti gratuiti dello Stato italiano, nel centro di accoglienza di Vipiteno". Questo, in poche parole, è l'appello postato su Facebook dal sig. Mutschlechner, ripetuto in maniera più esplicita anche in alcune interviste su alcuni giornali di lingua tedesca. Lo stesso Mutschlechner è anche il firmatario di tutte le comunicazioni che, frequentemente, vengono spedite ai residenti della località dove il centro è situato, da parte dei gestori dello stesso. Il suo ruolo pertanto non è ben chiaro, ma si presume essere una persona che opera attivamente nel business dell'accoglienza.

Il post, che mostra la foto di due teneri innamorati, e che sembra ora essere sparito dal suo profilo facebook, fornisce anche numero di cellulare e indirizzo mail dove le signorine, di gran cuore disposte a "sacrificarsi" per il bene altrui, possono scrivere. E, senza dilungarsi molto, lo stesso autore garantisce che penserà lui stesso a metterle in contatto con i focosi maschioni clandestini bisognosi di affetto.

In pratica, al centro di accoglienza di Vipiteno hanno fatto una scoperta, il sesso come strumento per un integrazione costruttiva e veloce degli immigrati. L'appello è assurdo, ma la motivazione che da il sedicente cooperatore è addirittura peggiore. Infatti l'uomo lamenta che gli stranieri clandestini, tutti giovani e forti, hanno gli ormoni alle stelle, perché non fanno sesso anche da dieci mesi, ed allora tra la lista delle richieste che giornalmente fanno ai responsabili del centro, oltre alle sigarette, alle ricariche, al Wi-fi e alle scarpe e ai berrettini da rapper, vi è anche quella di avere donne, meglio se giovani e di lingua tedesca. Tette belle sode, possibilmente, aggiungiamo noi.

Questi omoni che fuggono da fantomatiche guerre, esigono cibo, vestiti ed anche donne, il tutto possibilmente di prima qualità, come fossero panini, come una merce di scambio. Vanificati in un attimo, insomma, anni ed anni di lotte per i diritti delle donne. Il tutto, nello stile della miglior casa d’appuntamenti, in una sorta di "mercato delle vacche" dove tutto c’è all’infuori dei sentimenti, del rispetto della donna, del corpo femminile, del valore dell’amore che dovremmo insegnare a queste persone affinché possano integrarsi meglio, affinché capiscano che la donna non è un oggetto, come nella cultura di tanti di loro, ma una persona con i loro stessi diritti.

Non bastano, dunque, la scuola di sci, le slittate sulla neve,  i corsi di nuoto, le partitelle a calcio, i pocket money e le gite alle terme, il buonismo e l'imbecillità di qualcuno è arrivato fino allo squallido appello alle signore altoatesine affinché ci mettano anima e soprattuto corpo, per soddisfare gli istinti sessuali di questi individui. Chi pagherà, non viene indicato. Da parte nostra, a questo punto, suggeriamo qualche colletta dopo la messa domenicale, una raccolta fondi tramite qualche lotteria, o perché no, creare qualche finta associazione ad oc con cui raccogliere il cinque per mille. Arrivati a questo punto, ormai, non c'è limite al peggio. Non ci resta che chiederci chissà cosa penseranno le signore della sinistra italiana, le varie associazioni femministe, e "la Presidente" della Camera Boldrini.


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Matite indelebili, a Rivarolo parte la denuncia


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU