rogne per il gruppo Lafarge

Soldi ai terroristi islamici? Nei guai colosso dell'edilizia francese

Sono stati incriminati otto dei suoi dirigenti, dopo che le indagini avrebbero portato ad un finanziamento di 13 milioni di euro fatto a favore dei miliziani dello Stato islamico

Ismaele Rognoni
Siria, la coalizione USA ha ucciso 150 miliziani Isis

Il gruppo francese Lafarge, specializzato nella produzione di cemento, è stato accusato di "complicità in crimini contro l'umanità" per avere "finanziato attività terroristiche" e "messo in pericolo la vita dei propri dipendenti". Secondo quanto emerso da un'indagine, infatti il colosso dell'edilizia avrebbe in passato avuto legami con l'Isis in Siria.

Dopo l'incriminazione di otto suoi dirigenti francesi condotta a Parigi, la società è sotto accusa per diversi reati, tra cui anche la violazione dell'embargo. In particolare, si sospetta che la multinazionale abbia pagato circa 13 milioni di euro allo Stato islamico per evitare la chiusura del suoi stabilimenti a Jalabiya, nel nord del Paese. Una sorta di "tassa" per far circolare senza problemi i propri mezzi e garantire la sicurezza dei suoi dipendenti. I fatti sarebbero avvenuti tra il 2011 e il 2014.

Inoltre, l'indagine ha evidenziato come il gruppo francese abbia comprato petrolio da fornitori vicini all'Isis. Nei mesi scorsi alcuni manager della società sono stati interrogati sulla questione. Due dirigenti sono stati già allontanati dall'azienda.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Barista violentata, preso il presunto autore: è rumeno
Era ai domiciliari per altri reati, non poteva uscire di notte

Barista violentata, preso il presunto autore: è rumeno

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Eritrea. Stop sanzioni, stop emigrazione!
I due paesi del Corno d’Africa hanno deciso di mettere fine allo stato di guerra

Eritrea: stop sanzioni, stop emigrazione!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU