buonismo accogliente

Chi di immigrato ferisce, di immigrato perisce

Servizi per gli extracomunatari: residenti ormai allo sbando a causa dei troppi clandestini

Redazione
Chi di immigrato ferisce, di immigrato perisce

Foto ANSA

A Trieste lo sportello immigrati di piazza Dalmazia rischia la chiusura. Poco personale volontario? Il servizio non funziona adeguatamente? O forse la convenzione è scaduta? Niente di tutto questo, semplicemente gli immigrati clandestini sono talmente tanti che il progetto non può più stare in piedi.

A lanciare l’appello è stata l’Anolf, l’Associazione nazionale oltre le frontiere, sigla legata alla Cisl e sotto la guida del presidente Ahmed Faghi Elmi, durante l’assemblea regionale svoltasi negli scorsi giorni in Consiglio regionale.

Lo sportello si dovrebbe occupare di tutela dei diritti, supporto sindacale e giuridico, formazione e percorsi di inserimento sociale e lavorativo a favore degli stranieri residenti. Ma il servizio, che al momento si regge sullo sforzo di una decina di volontari, rischia di chiudere i battenti proprio a causa di un'accoglienza senza criteri appoggiata e voluta da Regione Friuli e amministrazione triestina, mettendo proprio in difficoltà gli stessi extracomunitari residenti e regolarmente integrati che hanno bisogno, e usufruiscono, di questi servizi per loro essenziali.

Basti pensare che nell’arco del primo semestre del 2016, sono state circa 450 le persone che hanno bussato ogni mese allo sportello di via Dalmazia, media sempre più in aumento che porterebbe al superamento dei 6000 soggetti assistiti in un anno. Numeri, che avanti di questo passo, faranno scoppiare non solo lo sportello immigrati, ma anche un'amministrazione che oggi sembra porsi come obiettivo più che il benessere dei suoi cittadini, il soddisfare un governo ormai sempre più lontano dalle necessità degli italiani.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Vota il tuo mini Bot: quale preferisci?
Il concorso lanciato da Claudio Borghi

Vota il tuo Mini BOT: quale preferisci?

Renzi il diffamatore
Ancora Tu? Ma non dovevamo vederci più!?

Renzi il diffamatore

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"
stupro di rimini, l'avvocatessa buonista

"Un africano non sa che in Italia non si può violentare"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU