in liberia per rizzoli

Il giornalista Scaglione: "Abbiamo consegnato il Medio Oriente all'Isis. E ci fa comodo"

Uscito in questi giorni lo scioccante report dell'ex vicedirettore di Famiglia Cristiana, che punta il dito sui clamorosi errori tattici e diplomatici dell'Occidente nei confronti del mondo arabo. E svela che...

Alfredo Lissoni
Il giornalista Scaglione: "Abbiamo consegnato il Medio Oriente all'Isis. E ci fa comodo"

Fonte itsputniknews

Fulvio Scaglione è stato a lungo vicedirettore di Famiglia Cristiana e grande esperto di Medio Oriente; nel libro Il patto con il diavolo. Come abbiamo consegnato il Medio Oriente al fondamentalismo e all’Isis, fresco fresco di stampa per Bur Rizzoli, realizza una dettagliata inchiesta che ha il coraggio di affrontare a fondo le responsabilità dell’Occidente e racconta i clamorosi errori di valutazione, gli affari non sempre limpidi, le alleanze sbagliate o tradite e mette a nudo ciò che potevamo fare e che invece non abbiamo fatto contro il terrorismo islamico.


Un’indagine lucida e coraggiosa che mostra come e perché l’Occidente ha lasciato che accadesse il peggio, ponendo la domanda più scomoda: vogliamo davvero eliminare l’Isis? In precedenza aveva dichiarato al Fatto Quotidiano: "Perché dopo 7.500 incursioni aree e una coalizione di 60 paesi non ci siamo riusciti? Tanto più che l’Isis si è stabilizzata dentro a confini precisi. Quando hanno occupato Palmira hanno percorso per ore il deserto: possibile che i satelliti americani non li abbiamo visti? La risposta la offrono centri studi americani accreditati come la Brooking Institution: l’Isis va contenuto e non eliminato per poter andare a una spartizione della Siria". In altre parole, il Califatto farebbe comodo a molti, che vedono di buon occhio la cacciata di Assad e la ridefinizione dei confini del Paese.


E c'è dell'altro. "La Libia", ha dichiarato in passato il giornalista, "è ad esempio un caso da manuale dell’impotenza politica occidentale ed europea in particolare. C’era un dittatore orribile e grottesco, Gheddafi, ma il Paese era unito e i libici godevano di un discreto tenore di vita. C’erano molti immigrati dai Paesi dell’Asia che lì avevano trovato lavoro e che adesso arrivano da noi sui barconi. Adesso il dittatore non c’è più ma non c’è più nemmeno il Paese e impera una lotta per bande, alcune infiltrate dal jihadismo dell’Isis. Alla fine, come anche altrove, noi ci riempiamo la bocca con la parola democrazia ma gli altri soffrono e pagano con la vita".


E sulla Siria ha dichiarato. "Una guerra tra sunniti e sciiti è in corso da molto tempo, dal 661 d.C., quando Alì, genero di Maometto, fu ucciso nella lotta per la successione. I sunniti sono circa il 90% dei musulmani; e l’Occidente, a partire dagli USA, è schierato con loro. Il progetto generale mi pare chiaro: frammentare, spezzettare, disgregare tutto ciò che è ancora sotto il controllo sciita”.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Firenze ricorda Oriana
convegno internazionale sulla fallaci

Firenze ricorda Oriana

FLAT TAX, il libro della rivoluzione fiscale
Shock fiscale, ecco il manuale

Flat Tax, il libro della rivoluzione fiscale


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU