"Ordine e pulizia, da Nord a Sud"

Salvini a Lecce: "Invasione organizzata dall'Unione europea. Prima gli italiani!"

Il leader leghista in Salento: "L'integrazione è possibile solo se i numeri sono limitati. Il Pd è complice, insieme a cooperative e associazioni di volontariato"

Redazione
Salvini a Lecce: "Invasione organizzata dall'unione europea. Prima gli italiani"

"L'integrazione è possibile solo se i numeri sono limitati": lo ha detto Matteo Salvini lunedì a Lecce, parlando del problema immigrazione. "Se dovessimo integrare chi scappa davvero dalla guerra - ha aggiunto - quindi quel 10% di persone che scappa davvero dai conflitti, non avremmo problemi. Integrare 250 mila persone l'anno, che poi tanto a Lecce quanto a Milano vanno in giro a fare casino, non è ammissibile. Quindi l'integrazione presuppone delle regole, dei limiti e dei confini controllati e non sbarchi che a migliaia stiamo invece affrontando". Sommerso dai calorosi applausi dei salentini, ha ribadito che per lui il ragionamento dev'essere chiaro: "Prima gli italiani, e poi quello che avanza per il resto del mondo".

"Non si può parlare più di immigrazione ma di invasione organizzata, finanziata e pianificata a Bruxelles con la complicità di Roma" ha affermato il leader leghista, nel corso di un affollato comizio a sostegno del candidato sindaco del centrodestra Mauro Giliberti. "Il Pd è complice di questa invasione - ha aggiunto - insieme alle cooperative e alle associazioni di pseudo volontariato. I richiami di Bruxelles e Strasburgo al rispetto del programma sui migranti sono ridicoli. Aspetto le elezioni perché torni ad essere l'Italia a difendere i confini. Datemi il Ministero dell'interno per tre mesi e vedrete che riporto ordine e pulizia in tutta Italia da Nord a Sud. Non aspetto né Strasburgo, né Bruxelles né la Merkel".

"Io sono federalista, sono autonomista e mi piacerebbe che il referendum per l'autonomia fiscale che ci sarà in autunno in Veneto e in Lombardia un domani ci possa essere anche in Puglia - ha spiegato inoltre Salvini - perché il centralismo, sia statale che europeo, non fa bene a nessuno". Infine, una critica al G7, visto come "una settimana di vacanza pagata dal contribuente senza che concludessero assolutamente nulla"; per Salvini, dunque, "potevano farsela a loro spese. Non hanno combinato nulla su niente, ma che la Merkel venga a dare lezioni... Spero che il prossimo governo italiano - ha concluso - non sia Merkeldipendente e che non vada Bruxelles o a Berlino col cappello in mano, come hanno fatto Monti, Letta, Renzi e Gentiloni".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"
"si affida porta ingresso Ue a trafficanti"

Il pm Zuccaro: "Sugli immigrati le Ong sbagliano"

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"
quella sinistra che non si rassegna

Immigrati, Minniti: "La pacchia non è finita"

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron
finanziamenti occulti al candidato presidente

Ora è ufficiale: c'è George Soros dietro Macron

Macron fa dietrofront: ecco le scuse agli italiani
La telefonata chiarificatrice col premier Conte

Macron fa dietrofront: ecco le scuse agli italiani


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU