Un bel dì vedremo

Lorella Lattavo
Un bel dì vedremo
Un governo buttato alle ortiche. Per paura, per scetticismo o per invidia? Si, invidia che ancora in questo mondo di quaquaraqua esistono ancora persone in grado di azzerare se stessi per pensare al popolo a cui appartengono. Giorni di lavoro estenuante, a studiare un documento che andasse bene per risollevare le sorti degli italiani...finito. Scetticismo perchè nessuno, o meglio i palazzi del potere mai avrebbero scommesso 1 centesimo su due compagini che in campagna elettorale se ne sono date di santa ragione e ora sembravano uscite da una folgorazione sulla via di Damasco, al punto di volersi unire e andare a governare con un solo obiettivo: ridare dignità ad un Paese destinato ad essere inghiottito dalla spirale di una crisi politico economica senza uscita. Paura? Anche, perchè essere dalla parte della gente, fare i " populisti" significa mettere in discussione un apparato ben consolidato che vede prepotentemente affermarsi il diritto del do ut des: io Europa ti aiuto in cambio prendi tutti quelli che sbarcano. L'Italia ha abboccato, gli aiuti sono spariti al contrario degli sbarchi che aumentano di volume come una torta nel forno. Tutto questo ginepraio era destinato alla scomparsa come il tirannosauro, invece non è successo il miracolo di San Gennaro o meglio di San Pio da Pietrelcina visto che l'ex premier incaricato Giuseppe Conte è originario delle terre del Santo . Si sa l'essere umano è imprevedibile, e l'uomo del Colle ha detto no. No alla volontà di un popolo che chiedeva giustizia per una vita disgraziata che dal 2011 era stata costretta a vivere, giustizia per una democrazia violata per troppo tempo e alla quale era stato dato il contentino del voto. Il 4 marzo si era riaccesa la speranza di contare ancora qualcosa in questo mondo, ma non è stato così. " Non voglio quel nome" ma senza dare motivazione concreta bensì solo un arrampicarsi sugli specchi accampando balle su balle, costringendo Salvini, Di Maio e Conte ad uscire come fossero piazzisti di aspirapolvere che insistono nel far acquistare il loro prodotto. Il Presidente della Repubblica non ha capito che non stava facendo un torto a dei politici, ma ad un intero popolo, quel popolo che il 2 giugno da sempre si stringe intorno alle più alte istituzioni per festeggiare una Repubblica la cui sovranità ora non si sa più a chi appartenga. " Non voglio quel nome" Mattarella è come un bambino che non vuole il camioncino che con tanto amore gli è stato regalato, lo butta per terra , lo rompe, perchè voleva per forza imporre la sua volontà fin dal 5 marzo e non ha digerito che questo piano sia andato improvvisamente a monte per colpa di Salvini e di Di Maio che si sono intestarditi a voler per forza governare. Non importa, il sogno non è morto, diventerà realtà appena finita l'estate. I bocconi amari vanno giù, si guarda avanti...i giorni passano svelti...un bel dì vedremo...

Via dei Cappuccini, 02042 Collevecchio RI, Italia

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Genova, il PD si prende i fischi, Orfini carica a testa bassa
chi ha preso gli applausi, chi le urla "vergogna"

VIDEO / Genova, fischiato il PD. E adesso Orfini carica a testa bassa

"C'è un tirante deformato". Il documento che inchioda i Benetton
l'inchiesta del corriere sul sistema numero nove

"C'è un tirante deformato". Il documento che inchioda i Benetton

Siri smonta il mito della laurea
MEGLIO TORNARE AI MESTIERI

Siri smonta il mito della laurea

Genova, il PD si prende i fischi, Orfini carica a testa bassa
chi ha preso gli applausi, chi le urla "vergogna"

VIDEO / Genova, fischiato il PD. E adesso Orfini carica a testa bassa

"C'è un tirante deformato". Il documento che inchioda i Benetton
l'inchiesta del corriere sul sistema numero nove

"C'è un tirante deformato". Il documento che inchioda i Benetton

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU