Non ha mai smesso di lottare

Addio "Mondo", calcio in lutto. Riportò in A Cremonese, Atalanta, Toro e Fiorentina

Il tumore alla fine ha avuto la meglio su Emiliano Mondonico: l'allenatore si è spento giovedì all'età di 71 anni, dopo una lunga carriera costellata di successi

Redazione
Addio "Mondo", calcio in lutto. Portò in A Cremonese, Atalanta, Toro, Fiorentina

Mondonico in una delle sue ultime apparizioni pubbliche

Si è spento giovedì, all'età di 71 anni, l'allenatore Emiliano Mondonico. Nato a Rivolta d'Adda il 9 marzo 1947, ha lottato negli ultimi anni con un tumore che alla fine ha avuto la meglio sulla sua forza di volontà. Calciatore in gioventù, nella sua lunga carriera in panchina ha ottenuto 5 promozioni in Serie A con Cremonese (1983-1984), Atalanta (1987-1988 e 1994-1995), Torino (1998-1999), e Fiorentina (2003-2004). Nato e cresciuto a Rivolta d'Adda, la sua famiglia gestiva una trattoria in riva al fiume. Si appassionò al calcio sin da piccolo, giocando all'oratorio. Mondonico crebbe nelle giovanili della Rivoltana, squadra dilettantistica del suo paese; nel 1966 fu ingaggiato dalla Cremonese, con la quale giocò una stagione in Serie D e una in Serie C. Nel 1968-1969 esordì in Serie A con la maglia del Torino. Dopo due stagioni scese di categoria per giocare con il Monza (23 gare e 7 reti) e ritornare in A nel 1971-72 all'Atalanta. Chiuse la carriera dopo il ritorno alla Cremonese, con cui giocò per sette stagioni tra Serie B e Serie C.

Iniziata la carriera da allenatore nel 1979 come tecnico delle giovanili della Cremonese, gli fu affidata la prima squadra grigiorossa nel corso del campionato di Serie B 1981-1982. Rimase in sella alla squadra fino al 1986, ottenendo nel 1983-1984 quello che fu il ritorno dei lombardi in A dopo 54 stagioni. Dopo l'immediata retrocessione in B del 1984-1985, passò nel 1986-87 al Como, col quale ottiene un nono posto in A. Nella stagione 1987-1988 fu ingaggiato dall'Atalanta, in B; ottenne immediatamente la promozione in massima categoria, e guidò la squadra bergamasca in un'esaltante esperienza in Coppa delle Coppe, conclusa in semifinale di fronte ai belgi del Mechelen che poi vinse la competizione contro l'Ajax. Nelle due stagioni successive ottenne un sesto e un settimo piazzamento in A, con la qualificazione alla Coppa UEFA. Tra il 1990-1991 e il 1993-1994 ha guidato il Torino, in Serie A.

Con i granata ottiene i migliori risultati della sua carriera: quinto posto nel 1991, i granata nella stagione 1991-1992 conclusero terzi e disputarono la finale di Coppa UEFA, persa a beneficio dell'Ajax, pur non conoscendo sconfitta nella doppia finale. Nel ritorno della finale ad Amsterdam restò nell'immaginario collettivo l'episodio della sedia agitata in aria (che gli costò una giornata di squalifica mai scontata), in segno di protesta verso l'arbitraggio. Nel 1992-93 la squadra granata vinse la Coppa Italia, nonostante 3 rigori contro nel ritorno della finale in casa della Roma. Tornato all'Atalanta nel 1994-95, riportò i bergamaschi in A, traghettandoli anche verso la finale di Coppa Italia 1995-96, persa contro la Fiorentina; nel 1997-98 la squadra nerazzurra cadde in B; nel 1998-99, nuovamente al Torino, ottenne una nuova promozione in A. Dopo non essere riuscito a scongiurare la retrocessione in B del Napoli nel 2000-01, fu chiamato nel corso della stagione 2001-2002 a sostituire Luigi De Rosa sulla panchina del Cosenza, venendo poi esonerato, richiamato nuovamente all'inizio del campionato 2002-2003 e nuovamente sollevato dall'incarico prima della fine del torneo.

Con la Fiorentina, squadra per la quale non ha mai nascosto il suo tifo, ottenne nel 2003-04 la quinta promozione in A della sua carriera che lo vede al secondo posto in questa particolare classifica. Esonerato dopo le prime giornate del campionato 2004-2005 per contrasti con la società, partecipò per oltre un anno come opinionista in televisione a diverse trasmissioni sportive. Il 29 gennaio 2006 venne scelto dall'Albinoleffe, in Serie B, per sostituire Vincenzo Esposito; ottenuta la salvezza, rimase al timone della squadra azzurro-celeste anche per la stagione 2006-2007, conclusa al decimo posto. Nella stagione 2007-2008 scese in Serie C1 per ritornare dopo ventuno anni alla Cremonese. Dopo la finale play-off persa contro il Cittadella, non venne confermato per la stagione successiva. Fu poi reingaggiato dalla squadra grigiorossa tra il 17 dicembre 2008, quando sostituì Ivo Iaconi, e il 26 marzo 2009, giorno in cui ha presentato le proprie dimissioni.

Il 28 settembre dello stesso anno ritorna sulla panchina dell'AlbinoLeffe al posto di Armando Madonna, guidandola alla salvezza. Viene confermato alla guida della squadra anche la stagione successiva, ma il 29 gennaio 2011, con la compagine seriana sistemata in una posizione di metà classifica, è costretto a lasciare temporaneamente la panchina per motivi di salute (e più precisamente per un tumore all'addome), e affida la panchina al suo vice Daniele Fortunato. Il successivo 14 febbraio torna sulla panchina dei lombardi, dopo essere stato operato. Riesce a salvare la squadra ai play-out. In una conferenza stampa del 13 giugno, il tecnico annuncia di dovere temporaneamente lasciare le sue attività lavorative e sottoporsi a ulteriori cure per i problemi di salute che già lo avevano portato all'operazione del gennaio 2011, risultata però non risolutiva ai fini di una definitiva guarigione. Il 14 novembre annuncia di aver sconfitto il tumore (un sarcoma) che lo aveva colpito.

Il 30 gennaio 2012 subentra ad Attilio Tesser sulla panchina del Novara, ultimo dopo 23 giornate, tornando così ad allenare in massima serie dopo più di sette anni. Alla terza partita sulla nuova panchina, il 12 febbraio, coglie una clamorosa vittoria in casa dell'Inter (0-1) grazie a un gol di Caracciolo. Il 6 marzo, dopo sei partite (una vittoria, due pareggi e tre sconfitte) e cinque punti guadagnati, viene esonerato dalla dirigenza del Novara. È la sua ultima vera esperienza da allenatore. Da luglio 2014, è l'allenatore dell'Equipe Lombardia (rappresentativa di giocatori in attesa di contratto, nata nel 2006) ed ha sempre lavorato con i giovani, soprattutto in difficoltà. Dal 2011, dopo l'annuncio della guarigione, è stato opinionista in varie trasmissioni della Rai, tra le quali la Domenica Sportiva e Sabato Sprint.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Padellaro minaccia Salvini
il giornalista aizza via twitter, grimoldi risponde

Padellaro minaccia Salvini: "Fermatelo ad ogni costo!"

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo
quasi staccarono un braccio a un controllore

Italia accogliona: il capo della pandilla di Milano chiede asilo

Barista violentata, preso il presunto autore: è rumeno
Era ai domiciliari per altri reati, non poteva uscire di notte

Barista violentata, preso il presunto autore: è rumeno

Calcio: persino la Francia colonizzata
durante la partita con l'albania

Calcio: persino la Francia colonizzata

Fotografa sederi a torneo, denunciato
un 40enne della provincia di Ancona è stato denunciato dalla Polizia di Stato per molestie

Fotografa sederi a torneo, denunciato

Berlusconi: "Il Milan? Finirà che lo ricompro"
secondo sondaggisti vendita club ha pesato su voto

Berlusconi: "Il Milan? Finirà che lo ricompro"

Sci d'acqua
è campione mondiale di moto d'acqua, ma l'italia lo snobba

Fabio Incorvaia: "Ragazzi, non rinunciate mai ai vostri sogni!"


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU