Riunione a Varsavia

Il blocco di Visegrad si allarga e conferma il no a Bruxelles sulle quote di clandestini

"Bisogna sostenere i rifugiati nei luoghi dove si trovano realmente, e quindi fuori dall'Unione europea, nei campi profughi in Libano o Giordania"

Redazione
Il blocco di Visegrad si allarga e conferma il no all'Ue sulle quote di clandestini

Foto ANSA

I ministri degli esteri della Repubblica Ceca, Lubomir Zaoralek, e della Slovacchia, Miroslav Lajcak, si sono recati martedì a Varsavia, in Polonia, per partecipare alla riunione con i colleghi dei paesi di Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria). All'evento si sono uniti anche i rappresentanti di altri Paesi europei, oltre ai 4 facenti parte del cosiddetto "blocco": Albania, Bosnia-Erzegovina, Montenegro, Kosovo, ex Repubblica jugoslava di Macedonia (Fyrom), Serbia, Bulgaria, Grecia, Croazia, Romania e Slovenia.

Tra i principali argomenti in quello della sicurezza nell'Europa centro-orientale, le minacce da affrontare soprattutto riguardo all'invasione di immigrati clandestini e le possibilità di rafforzamento delle relazioni bilaterali tra le popolazioni dei Paesi partecipanti. L'incontro avviene poco dopo l'introduzione del cosiddetto pacchetto di allargamento della Commissione europea, che valuta i progressi compiuti dai paesi candidati e aspiranti ad aderire all'Ue. Inoltre, durante la visita a Varsavia il ministro slovacco Lajcak prevede colloqui bilaterali con le controparti provenienti da Croazia, Fyrom e Kosovo.

Pochi giorni fa è giunta dai quattro Paesi del cosiddetto quartetto Visegrad (Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia e Ungheria) l'ennesima conferma dell'opposizione all'"inefficace" sistema di ripartizione dei clandestini proposto dall'Ue. "Crediamo che il sistema delle quote non sia efficace, come dimostrano i fatti - ha dichiarato lunedì 21 novembre il ministro dell'Interno polacco Mariusz Blaszczak -, visto che dei 160.000 rifugiati che Bruxelles ha deciso di dividersi a settembre dell'anno scorso, fino ad ora ne sono stati redistribuiti solo poco più di 6.000. Bisogna sostenere i rifugiati nei luoghi dove si trovano realmente, e quindi fuori dall'Unione europea, nei campi profughi in Libano o Giordania", ha aggiunto.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il "Nobel per la pace" cerca la Terza Guerra Mondiale
obama ammassa truppe al confine russo

Il "Nobel per la pace" cerca la Terza Guerra Mondiale?

Colpo di stato in Libia, occupati tre Ministeri a Tripoli
e ora ci manderanno tutti i clandestini

Colpo di stato in Libia, occupati tre Ministeri a Tripoli


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU