Religioni unite sulla bioetica

Ebrei, cattolici e musulmani: vietare eutanasia e suicidio assistito

Netta posizione di autorevoli esponenti delle tre grandi religioni monoteiste contro la cultura della morte. Eutanasia e suicidio assistito, secondo la “Dichiarazione congiunta sulle problematiche del fine-vita” firmata ieri in Vaticano, “sono moralmente ed intrinsecamente sbagliati e dovrebbero essere vietati senza eccezioni”

Giuseppe Brienza
Ebrei, cattolici e musulmani: vietare eutanasia e suicidio assistito

L’eutanasia ed il suicidio assistito sono moralmente ed intrinsecamente sbagliati e dovrebbero essere vietati senza eccezioni. Qualsiasi pressione e azione sui pazienti per indurli a metter fine alla propria vita è categoricamente rigettata”. È il punto chiave della “Dichiarazione congiunta delle religioni monoteiste abramitiche sulle problematiche legate al fine-vita”, solennemente firmata ieri mattina da rappresentanti ebrei, cattolici e musulmani in Vaticano. L’iniziativa, coordinata dalla Pontificia Accademia per la vita (Pav), è sostenuta per il mondo ebraico dai rabbini Avraham Steinberg, copresidente del Consiglio nazionale israeliano di bioetica (Israeli National Bioethics Council) e David Rosen, mentre per quello musulmano dallo sceicco Bin Bayyah, presidente del Muslim Forum for Peace e da Samsul Anwar, presidente del Comitato centrale della Muhammadiyah indonesiana (Central Committee of the Indonesian Muhammadiyah).

La Dichiarazione, che i rappresentanti religiosi hanno consegnato a Papa Francesco, si suddivide in specifici paragrafi nei quali vengono definiti gli esatti termmini ed obiettivi del documento, dal cosa si intende per “paziente terminale” a quale approccio assumere di fronte a esperienze comuni agli uomini e alle donne di tutte le epoche come quelle del “soffrire e morire”.

Ci opponiamo ad ogni forma di eutanasia - scrivono ebrei, cattolici e musulmani-. È un atto diretto deliberato e intenzionale di togliere la vita” e “nessun operatore sanitario dovrebbe essere costretto o sottoposto a pressioni per assistere direttamente o indirettamente alla morte deliberata e intenzionale di un paziente attraverso il suicidio assistito o qualsiasi forma di eutanasia...”.

Nella Dichiarazione, piuttosto, è incoraggiata “una qualificata e professionale presenza delle cure palliative ovunque e per ciascuno”.

Al termine della cerimonia di sottoscrizione, svoltasi nella "Casina Pio IV", i firmatari ebrei, musulmani e cristiani sono stati ricevuti in udienza dal Pontefice nella sala dei Papi del Palazzo apostolico. Nella suggestiva sede delle Pontificie accademie delle Scienze e delle Scienze sociali, all’interno dei Giardini vaticani, al momento della firma, tra gli altri, per la Chiesa cattolica erano presenti il vescovo Sánchez Sorondo, cancelliere delle due accademie; l’arcivescovo Vincenzo Paglia, presidente della Pav, e i cardinali Kurt Koch e Miguel Ayuso Guixot, presidenti dei Pontifici consigli per la Promozione dell’unità dei cristiani e per il Dialogo interreligioso. Presente anche un rappresentante del metropolita Hilarion per la Chiesa ortodossa russa.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Maltempo in Lombardia, Conte se ne fotte
il governo respinge lo stato d'emergenza

Maltempo in Lombardia, Conte se ne fotte

La politica secondo Povia
Papa Francesco: "L'inferno non esiste"
la "teologia sbagliata" di bergoglio

Papa Francesco: "L'inferno non esiste"

Sei madre? Te lo chiederanno per promuoverti non per licenziarti!
Movimento per la vita: richiedere l’inserimento delle competenze materne nei CV

Sei madre? Te lo chiederanno per promuoverti non per licenziarti!


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU