Accusati di truffa e false attestazioni

Furbetti del cartellino: prima timbravano, poi via a fare shopping e passeggiate

Beccati dalla Guardia di Finanza dieci dipendenti del Comune di Scafati (Salerno) che in orario di lavoro si dedicavano a benessere e divertimento

Redazione
Furbetti del  cartellino: prima timbravano, poi via a fare shopping e passeggiate

Il Municipio di Scafati. Da comuni-italiani.it

Timbravano il cartellino ma dopo andavano in giro a fare shopping, a riparare la propria bici, a fare lunghissime passeggiate. Scoperti dai finanzieri della Compagnia di Scafati del Comando Provinciale di Salerno dieci furbetti del cartellino: dipendenti del Comune di Scafati (Salerno), anche due agenti della polizia municipale, ai quali mercoledì 29 settembre sono state notificate misure cautelari di interdizione dai pubblici uffici. Tutti sono accusati di truffa ai danni dello Stato e false attestazioni.

Cinque mesi di indagini, svolte nell'operazione denominata "Mal Comune", hanno ricostruito quello che i dieci dipendenti facevano. Quasi ogni giorno lasciavano, durante l'orario di lavoro, il proprio ufficio per fare decisamente altro: alcuni passeggiavano così a lungo da arrivare al comune di Pompei che dista diversi chilometri. Centinaia di ore lavorative falsamente attestate dai dipendenti come effettuate, dunque, e pagate dall'Ente pubblico per prestazioni in realtà mai svolte.

Alcuni agivano anche in accordo tra loro, scambiandosi reciprocamente il "favore" della timbratura del cartellino, consentendo così ai colleghi di arrivare in ritardo in ufficio o, in alcuni casi, di non presentarsi proprio per nulla sul posto di lavoro. Con pedinamenti, videoregistrazioni e grazie a telecamere nascoste sono stati rilevati gli spostamenti e le attività dei pubblici dipendenti nonché le false timbrature dei cartellini di presenza. A conclusione delle indagini delle Fiamme Gialle, coordinate dal procuratore della Repubblica di Nocera Inferiore, Amedeo Sessa, il Giudice per le Indagini Preliminari ha emesso le 10 ordinanze.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc
la "piazza " invasa dai datteri di hashish

Torino, arriva la superdroga. Si chiama Thc


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU