spunta pure la criminalità organizzata

Scoppia il bubbone: il padre di Daisy era un boss della mafia nigeriana

La Verità fa le pulci sui trascorsi di Iredia Osakue e scopre che nel 2007 fu coinvolto nel mega processo di Torino su Ascia Nera e Eiye...

Redazione
Scoppia il bubbone: il padre di Daisy era un boss della mafia nigeriana

La Sinistra, se avesse buon senso, si andrebbe a nascondere, per come ha strumentalizzato la faccenda di Daisy Osakue. Perché ha parlato, come da copione, di "razzismo" e di "pericolosa deriva fascista" quando la ragazza ha raccontato di essere stata scambiata per una prostituta di colore e colpita con un uovo in faccia, ma quando s'è saputo che a centrare in viso la tesserata del PD (la cui famiglia non ha perso l'occasione per usare la vicenda a fini politici: "Non so se potremo restare qui") era stato il figlio di Roberto De Pascali, un consigliere comunale del PD, il razzismo è sparito e l'aggressore è diventato un semplice "cretino" ("Mio figlio? Un cretino", titola il Corriere). Chissà mai cosa sarebbe successo se il "cretino" fosse stato il figlio di un leghista: apriti cielo! Invece è PD e l'intera vicenda si lava via con un "cretino". 

Curiosa peraltro questa distinzione manichea che la Sinistra fa degli italiani: fascisti o cretini. Perchè a questo punto non si sa più in quale delle due categorie sarebbe preferibile stare. La verità è che il teppismo, che non ha colore politico, è sempre cretino, perché si basa su gesti cretini. Ma cretini sono anche quei personaggi che, alla ricerca del consenso elettorale perduto, cercano di strumentalizzare la vicenda per rifilarci la panzana che gli italiani son razzisti e che a maggior ragione lo stanno diventando con il Governo Salvini. "11 aggressioni agli immigrati da quando c'è Salvini al governo", ha tuonato il solito radical-chic.


Peccato che queste cose accadessero anche durante i Governi Renzi e Gentiloni, pensiamo solo allo sparatore folle di Macerata, Traini, che si faceva i selfie con la bandiera italiana ripiegata addosso, foto sapientemente "tagliata" dai giornali di Sinistra in maniera che apparisse vestito solo di verde finto-leghista. Solo che, falla nel ragionamento sinistroide, anche all'epoca la colpa fu data a Salvini. Insomma, poco importa quale Governo sia al potere in Italia: qualunque cosa accada, il "piove Governo ladro" è stato sostituito con "è colpa di Salvini".


Cretini, dicevamo. Non solo chi lancia le uova ma anche chi lancia le accuse di razzismo. Perché questa volta, a furia di gridar "al lupo al lupo" costoro si son dati la zappa sui piedi. Perché stavolta il razzismo qui non c'entra. Anzi, l'aggressione arriva da "cretini" i cui genitori votano PD. E la ragazza, peraltro vittima e innocente, che il sindaco buonista di Moncalieri voleva far assurgere a simbolo vivente della lotta al razzismo, ora si scopre avere - fossero stati tutti zitti fors'era meglio - due genitori sul cui passato è meglio stendere un velo pietoso.


Cosa che invece non fa il quotidiano La Verità che, nel numero oggi in edicola, scopre che la madre di Daisy faceva la maman o mammana (gestiva cioè prostitute) e "il papà di Daisy che attacca Salvini fu condannato a cinque anni per mafia". E che, dopo l'arresto nel 2002 per sfruttamento di ragazze nigeriane buttate sulla strada a vendersi (come ha documentato Repubblica, che mai immaginava come sarebbe finita 16 anni dopo), nel 2007 ricompare "nelle carte di un mega processo contro la mafia nigeriana a Torino. Nella sentenza emessa dal gup Cristina Palmesino si legge che Osakue è stato condannato a 8 anni di reclusione", scesi a 5 con il rito abbreviato, scrive La Verità.

Che aggiunge: "Osakue ricopriva il ruolo di capo coordinatore di Torino di una gigantesca organizzazione mafiosa nigeriana, la Eiye, che faceva ricorso all'esercizio di violenza sia fisica che mediante l'uso di armi bianche e da sparo e si contrapponeva a un altro gruppo mafioso nigeriano, la setta Blake Axe".

"A quanto sembra, Osakue ha cambiato vita", conclude La Verità; "risulta che lavori come mediatore culturale e si occupi di servizi per gli immigrati nigeriani. Il passato sembra lontano e di questo Iredia deve dire grazie al Paese che lo ha accolto e gli ha dato una nuova vita. Alla faccia del razzismo".
 


LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

I populisti sfondano anche nella Repubblica Ceca
scomparsi i comunisti, un solo seggio all'ano

I populisti sfondano anche nella Repubblica Ceca

Adesso Macron ci scarica i migranti. Di nascosto
chieste spiegazioni all'ambasciata francese

Adesso Macron ci scarica i migranti. Di nascosto

Cinquanta immigrati aggrediscono due agenti a Foggia
Durante i controlli anti-caporalato

Cinquanta immigrati aggrediscono due agenti a Foggia

Espulso imam, nel 2009 aggredì la Santanchè
L'ex deputata su twitter: "Mi ruppe due costole, a mai più!"

Espulso imam, nel 2009 aggredì la Santanchè


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU