cara sinistra, son gozi tuoi...

Ahi-ahi-ahi Pd: nuovo libro di Montolli svela i retroscena del "caso Gozi"

Nell’infinita saga giudiziaria de “Il caso Genchi” il politico Pd fu il primo a rivolgersi al Garante per impedire “l’ulteriore diffusione del volume”, in cui si parlava anche di lui

Alfredo Lissoni
Ahi-ahi-ahi Pd: nuovo libro di Montolli svela i retroscena del "caso Gozi"

Sandro Gozi, l’ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio italiano passato al Governo di Macron in Francia, è uno che tiene molto alla sua privacy. Nell’infinita saga giudiziaria de “Il caso Genchi” fu il primo a rivolgersi al Garante per impedire “l’ulteriore diffusione del volume”, in cui si parlava anche di lui. Il reclamo, come altri, venne respinto. Ed ecco ora disponibile questo scioccante libro-inchiesta del coraggioso giornalista Edoardo Montolli che svela interessanti retroscena. Aliberti editore, con prefazione di Marco Travaglio.

Ma chi è Genchi? Esperto di informatica e telefonia, Genchi si occupava di incrociare i tabulati delle telefonate in grandi processi, quali quelli sulla mafia, che hanno rivelato il rapporto tra Cosa  Nostra e il complesso giuridico-economico-politico della seconda Repubblica. Fu coinvolto dalla stampa e dal Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi in merito a un presunto scandalo di intercettazioni. Genchi avrebbe, secondo Berlusconi, intercettato 350.000 persone, ma lui smentì. Sospeso tre volte dal servizio e poi reintegrato, si vide sequestrare nel 2009 il cosiddetto "archivio segreto", cioè i computer con i dati raccolti per il suo lavoro di consulenza a diversi magistrati. 

Il Tribunale del Riesame ha annullato il sequestro e la perquisizione dei tabulati telefonici spiegando che i reati contestati erano inesistenti. La Procura di Roma comunque non ha restituito i tabulati a Genchi. Il 26 giugno 2009 Genchi viene scagionato. Il 13 aprile 2011, accusato d'accesso abusivo alla rete Siatel, è assolto dal Tribunale di Roma perché "il fatto non sussiste".

Il 21 gennaio 2012 il GUP di Roma Barbara Callari lo rinvia a giudizio insieme a Luigi de Magistris con l'accusa di aver acquisito nel 2009 in modo illegittimo i tabulati telefonici di alcuni parlamentari. L'inchiesta viene aspramente criticata anche da Marco Travaglio. Il 21 ottobre 2015 la Corte d'Appello di Roma lo assolve.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Sovranisti spagnoli: pronti a denunciare Open Arms
Immigrazione: la presa di posizione in favore dell’Italia di Santiago Abascal

Sovranisti spagnoli: pronti a denunciare Open Arms

Crisi di Governo: i retroscena spiegati in tre minuti
il parlamentare lega alessandro morelli svela che...

Crisi di Governo: i retroscena spiegati in tre minuti


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU