"soccorsi in ritardo", muore ivoriana

Rivolta dei clandestini a Venezia. Operatori presi in ostaggio

Uno degli assistenti del Cie: "Ogni tanto qualcuno prende a pugni la porta, siamo terrorizzati. Urlano e alcuni di loro hanno in mano delle spranghe"

Redazione
Rivolta dei clandestini a Venezia. Operatori presi in ostaggio

Foto La Nuova Venezia

Carabinieri e Polizia sono intervenuti nel centro di prima accoglienza di Cona, in provincia di Venezia, dove sono ammassati 500 clandestini, dopo che una rivolta è scoppiata in seguito alla morte all'interno della struttura di un'ivoriana di 25 anni. Lo rendono noto il commissariato e il comando di Chioggia (Venezia). E secondo quanto riporta il Corriere della Sera nella sua edizione online, i migranti in protesta avrebbero acceso roghi tenendo bloccati 25 operatori all'interno della struttura.


"Intorno alle 17 i migranti si sono presi l'intera ex base missilistica, hanno spento le luci e dato fuoco a dei bancali", scrive il quotidiano. "E gli operatori si sono dovuti barricare nei container e negli uffici". "Siamo rimasti al freddo e al buio", dice uno degli operatori, sentiti dal Corriere. "Se tentassimo di riavviare l'impianto di illuminazione esterno rischieremmo di essere aggrediti. Ogni tanto qualcuno prende a pugni la porta, siamo terrorizzati. Urlano e alcuni di loro hanno in mano delle spranghe. Ci hanno detto: 'stanotte dormirete qui'".


Le forze dell'ordine, afferma il quotidiano, hanno avviato una mediazione. "Per ora è più sicuro che restino lì dentro", avrebbe detto al quotidiano uno dei carabinieri intervenuti. "La protesta sta scemando, appena ci saranno le condizioni per farli uscire senza pericoli li accompagneremo fuori". La rivolta è scoppiata dopo la morte di una ragazza trovata priva di conoscenza in un bagno della struttura, Sandrine Bakayoko, di 25 anni, arrivata a Cona quattro mesi fa con il fidanzato, dopo un viaggio in gommone dalla Libia. All’alba di ieri si è sentita male, è caduta nella doccia, ma il compagno l’ha trovata priva di sensi soltanto intorno a mezzogiorno.


"Ho sfondato la porta e l’ho trovata lì, distesa a terra", racconta al Corriere. "Stava male da giorni, tossiva, aveva la febbre. Questo non è un posto dove ospitare delle donne". I profughi dicono che i soccorsi sono arrivati troppo tardi. Ricostruzione smentita dagli operatori del 118. L'autopsia chiarirà i fatti. Intorno alle 2, secondo quanto si apprende da RaiNews24, gli operatori sono stati fatti uscire. 

 

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Latina, sorprende ladro, spara e ne uccide uno
Avvocato esplode 8 colpi di pistola

Latina: sorprende ladro, spara e ne uccide uno

Austria: Kurz asfalta i "buonisti". La Destra di Strache va al governo
salvini: "avanza il Partito della Libertà da sempre alleato della Lega"

Austria: Kurz asfalta i "buonisti". La Destra di Strache va al governo

Sicilia, Musumeci al 42%. La Sinistra si mangia le mani
il candidato di centrodestra vola nei sondaggi

Sicilia, Musumeci al 42%. La Sinistra si mangia le mani

Latina, sorprende ladro, spara e ne uccide uno
Avvocato esplode 8 colpi di pistola

Latina: sorprende ladro, spara e ne uccide uno

Immigrati, la lettera del poliziotto ad un giornale: "Ma questa è un'invasione"
un agente svela cosa c'è dietro gli sbarchi dalla tunisia

Immigrati, la lettera del poliziotto ad un giornale: "Ma questa è un'invasione"

Scoppia la lite nel suk di Torino, nigeriano accoltella e uccide un italiano
da tempo i cittadini dicono no al ghetto dei clandestini

Scoppia la lite nel suk di Torino, nigeriano accoltella e uccide un italiano


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU