Viminale, quando il tornello non è uguale per tutti!

Freeskipper Italia
Viminale, quando il tornello non è uguale per tutti!
Leggo sulle vostre pagine delle disparità di trattamento economico che esistono tra lavoratori dello Stato. Sono una dipendente ministeriale e purtroppo certe situazioni discriminatorie le vivo ogni giorno sulla mia pelle. E’ vero quanto asserito su FreeskipperItalia che a parità di requisiti e di carriera non corrispondono quasi mai le stesse retribuzioni in tutta la Pubblica Amministrazione (vedasi quanto percepisce un impiegato della Camera o del Quirinale e un “normale” impiegato dello Stato), come è altrettanto vero che persino nello stesso Ufficio c’è chi gode di un trattamento economico più favorevole rispetto a quello di altri colleghi (straordinari, buoni pasto, premi e indennità varie). Ma la discriminazione non si limita soltanto a quella economica, riguarda pure l’orario di servizio! Mi spiego meglio. Da quando sono entrati in funzione i tornelli per il cosiddetto rilevamento elettronico delle presenze, tutte le mattine mi ritrovo sempre con l’affanno per cercare di timbrare in orario, alle 08.00 precise! La casa da rassettare, i bimbi da accompagnare a scuola, i genitori anziani da accudire, il traffico cittadino… ma alla Pubblica Amministrazione di tutto questo poco gliene tange: l’orario è rigido, senza alcuna flessibilità nè in entrata, nè in uscita, e chi ‘sfora’, recupera! E sta bene. E’ giusto che sia così. Ma quando vedo tanti miei colleghi che entrano ed escono a proprio piacimento dal Palazzo senza l’incubo dell’orologio, freschi, tranquilli e paciosi, ed invece io sudata e trafelata, sempre di corsa per rispettare l’orario, bè allora mi prende lo sconforto! Ho provato a chiedere spiegazioni ai rappresentati sindacali, ma loro mi hanno risposto che dirigenti, vigili del fuoco, pubblica sicurezza, segreterie più o meno ‘particolari’ hanno un altro tipo di accordo sull’orario di lavoro e… Amen! Infine un tecnicismo. C’è chi entra al Viminale alle sette di mattina, chi alle sette e trenta e chi alle otto. Ogni Ufficio ha il suo “orario di servizio”. Logicamente chi prima entra, prima esce! Ma se hai l’orario di servizio che parte dalle ore otto e timbri il cartellino mezz’ora prima la perdi, mezz’ora dopo la recuperi!!! Perché il Ministro non provvede a rendere uguale per tutti l’orario di entrata a partire dalle ore 07.00? Ma non finisce mica qui. Se hai un impegno di famiglia o un imprevisto nelle prime ore del mattino e vuoi fruire di un “permesso retribuito” non puoi chiederlo se non a partire dalle ore nove, non prima: quindi – fantozzianamente – sei costretto o a fare ritardo oppure ad arrivare comunque in Ufficio, timbrare in orario, per poi riuscire con il permesso, sbrigare le tue cose e quindi rientrare di nuovo a lavoro prima che scada il permesso! Assurdo? Sì, ma drammaticamente vero! Dicevano che Salvini era un ministro poco presente e oggi i media osannano quello attuale. Spero che il Ministro riesca a sanare certe disparità di trattamento, visto che come dice la stampa è meno social di quello precedente e più presente! Ma mi è difficile crederlo. Non riesco più neppure ad indignarmi, tanto sono rassegnata, avvilita e impotente al cospetto di uno Stato che ci vuole eternamente divisi in figli e figliastri. Cambiano i governi, cambiano i ministri, ma questo paese non cambia mai!

https://freeskipper.altervista.org

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Virus letale: ci hanno fregato! La rivelazione del Washington Times
Epidemia in Cina, la Rete sfotte Bergoglio
"con tutti gli ospedali che ha la chiesa..."

Epidemia in Cina, la Rete sfotte Bergoglio

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Lei non è la moglie...
fa i pistolotti moraleggianti agli altri e poi...

Marco Travaglio, il bacio galeotto. Perché lei non è la moglie...

Epidemia in Cina, la Rete sfotte Bergoglio
"con tutti gli ospedali che ha la chiesa..."

Epidemia in Cina, la Rete sfotte Bergoglio

Virus letale: ci hanno fregato! La rivelazione del Washington Times

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: viale Vittorio Emanuele II, 23 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: MARCO DOZIO
CONDIRETTORE: alessandro morelli

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU