PROFUGHI VIOLENTI

Ennesima rissa tra immigrati alla base di Cona

Il piccolo centro della provincia veneziana, teatro di una nuovo scontro tra richiedenti asilo. Cresce il numero dei profughi ospitati e il paese è al collasso

Alex Bazzaro
Protesta di profughi a Cagliari

Foto ANSA

L’allarme è stato dato dal personale della cooperativa che gestisce la base. In pochi minuti sono arrivate sul posto due ambulanze del 118 che hanno portato via i feriti. Verso le 20.30 sono arrivati, in forze, anche poliziotti e Carabinieri ma hanno trovato una situazione già relativamente tranquilla, probabilmente anche grazie all’intervento del personale di sorveglianza della cooperativa. Il caos era scoppiato verso le 20 circa, quando per motivi ancora poco chiari, una decina di presunti profughi, ospitati nella base militare di Cona, in provincia di Venezia, avevano iniziato a darsele di santa ragione.

Ma ciò che è accaduto nella giornata del primo luglio è solo l'ultimo episodio di violenza relativo ai richiedenti asilo. Alla fine dell’anno scorso, un altro grave fatto, con due degli immigrati a scontrarsi per una questione di precedenza nella distribuzione del cibo. Allora uno di loro era finito in ospedale e l’altro era stato spedito in una diversa struttura di accoglienza. Un paio di mesi fa, invece, l’episodio più eclatante, con una vera e propria manifestazione dei migranti al di fuori dei cancelli della base, con cartelli e con il “sequestro” di un fotografo trascinato dentro la base perché documentasse le condizioni di vita degli ospiti.


A sentire loro, i presunti giovanotti scappati da guerra e fame, il problema sarebbe il sovraffollamento; ma se di numeri elevati si deve parlare, sarebbe il caso di ricordare come questo sfortunato comune veneto conti circa 3000 abitanti e la frazione di Conetta, sede dell'ex base militare allestita a residence per immigrati, solo 200 sa fronte di 650 richiedenti asilo. Una vera e propria invasione che sta mettendo a dura prova la pazienza dei residenti mutando drasticamente la loro vita; trasformando quella che era una piccola e serena realtà in una terra di nessuno, dove gli italiani diventano loro malgrado, ogni giorno di più, ospiti in casa propria.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU