LA STAGIONE DEI RIBASSI

Saldi, nel portafoglio degli italiani non più di 220 euro a famiglia. Ma cosa sperano di trovare?

Vie dello shopping affollate alla ricerca dell'affare perfetto. Mancano all'appello le lunghe code alle casse. Sconti reali o vere e proprie fregature? Le istruzioni per l'acquisto diventano il 'bigino' da portare con sè.

0
Elena Salvarezza

Elena Salvarezza

Chi è Elena Salvarezza?
Giornalista pubblicista, con una laurea in Design della Moda incorniciata, porta avanti collaborazioni con testate on-line. Orgogliosamente comasca, è cresciuta a pane, cross della Juve e libri della Fallaci.
Anima complicata, adatta per pochi e non per tutti, in ricerca costante di tutto ciò che eleva l'ordinario allo straordinario.
Vive x scrivere perché le notizie preferisce darle che riceverle e perché il linguaggio scritto le da il tempo di ponderare le parole e girare bene la penna nella piaga. Il motto che ha abbracciato: "Quando arrivi a farti odiare, sai che stai facendo bene il tuo lavoro e lascerai il segno".

Saldi, nel portafoglio degli italiani non più di 220 euro a famiglia. Ma cosa sperano di trovare?

"Ne siamo usciti indenni". Qualcuno giura di averlo sentito dire alla fine di un frenetico weekend, come quello trascorso, che ha dato avvio alla stagione dei saldi estivi.

E come c'era da immaginarsi, è iniziata la caccia all'affare perfetto. Vie dello shopping affollate, negozi presi d'assalto, traffico congestionato nelle grandi città. A mancare all'appello sono, però, le lunghe code alle casse per pagare. Proprio così. E' questa l'immagine che si ripropone anche quest'anno, la medesima del 2016. Le vendite sono stabili, la gente compra solo se ne vale davvero la pena altrimenti rinuncia a ciò che risulterebbe un semplice sfizio da custodire nell'armadio.


“I consumatori - ha spiegato il Presidente del Codacons Carlo Rienzi - hanno messo in conto un budget di spesa analogo a quello dello scorso anno e approfitteranno dei saldi per fare acquisti mirati con un occhio al portafogli”. E ha poi aggiunto: “Lo scontrino medio italiano si aggirerà attorno ai 67 euro procapite, e poco più della metà delle famiglie (54%) farà uno o più acquisti in regime di saldi”.
In sostanza, gli italiani spenderanno 220 euro al massimo a famiglia, non un euro di più. Anche se non mancheranno i consumatori più accaniti, i fashion addicted, i quali non baderanno di certo a spese.


Un ritornello che si ripete durante il logorio di questi anni di crisi, eppure una novità c'è. Ed è la data d'inizio dei ribassi di fine stagione, fissata sul calendario in tutte le Regioni italiane per lo scorso 1 luglio. La durata invece sarà differente, c'è chi anticiperà la chiusura e comincerà ad esporre le nuova collezione autunnale, c'è chi vorrà continuare finché il meteo lo permetterà, complici senz'altro i magazzini ampiamente provvisti di merce estiva.
Nella maggior parte delle regioni, tra cui la Lombardia, i saldi estivi termineranno il 30 agosto.


Ma qual'è l'oggetto del desiderio durante la stagione dei ribassi estivi? Qual'è quello che ti spinge a trascorrere una domenica al centro commerciale, piuttosto che rilassarti su di uno sdraio a bordo piscina?
Vestitini leggeri, meglio se a righe e sopra il ginocchio, shorts a vita alta, beachwear colorati e capaci di osare, cappelli large in paglia e magliette con scritte personalizzate per affrontare una calda estate, peraltro appena cominciata. Ma anche borse, giacche e coprispalla da sfoggiare nei mesi che verranno.


Le fregature, come ogni anno, sono dietro l'angolo.
Per evitare di incapparci, la Guardia di Finanza ha messo a punto un vademecum mettendo in evidenza soprattutto che "il venditore è tenuto ad applicare lo sconto dichiarato; se alla cassa viene praticato un prezzo o uno sconto diverso da quello indicato, sarà bene comunicarlo al negoziante e non esitare, in caso di difficoltà, a contattare l’ufficio di Polizia Annonaria del Comune. Il negoziante è obbligato a sostituire l’articolo difettoso anche se dichiara che i capi in vendita durante i saldi non si possono cambiare".

Così è (se vi pare).

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Commenti

Scrivi qua il tuo commento

Caratteri rimanenti: 1500


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU