Lavori in corso

Al Brennero gli austriaci stanno tirando su il muro, 5 paesi estendono i controlli

Solo pochi giorni fa il ministro Alfano aveva annunciato "Vienna non edificherà alcun muro. E l'Italia non si farà spaventare da un gabbiotto". Intanto Austria, Germania, Svezia, Norvegia e Danimarca si tutelano contro l'invasione

Alessio Colzani
Al Brennero gli austriaci stanno tirando su il muro, 5 paesi estendono i controlli

Poliziotti austriaci schierati al Brennero. Foto ANSA

Il governo austriaco, pressato dall'opinione pubblica e spaventato dai sondaggi che danno in costante crescita l'FPOE alleato della Lega Nord, se ne frega dei diktat europei e prosegue senza sosta nell'opera di difesa dei propri confini dall'invasione dei clandestini. Al Brennero, nonostante quanto raccontato a fine aprile dal ministro degli interni Angelino Alfano (Vienna non edificherà alcun muro. E l'Italia non si farà spaventare da un gabbiotto"), continuano i lavori per la realizzazione del cosiddetto "muro", una barriera che consentirà di fermare i migranti evitando che possano entrare senza permesso nel paese. Nel frattempo, il Consiglio Ue sta per autorizzare Austria, Germania, Danimarca, Svezia e Norvegia ad estendere i controlli alle loro frontiere interne fino ad un massimo di sei mesi. Per la Germania si fa riferimento ai confini con l'Austria, mentre per l'Austria a quelli con Ungheria e Slovenia, poiché l'iniziativa è strettamente legata ai buchi persistenti nella gestione greca delle frontiere esterne e alla rotta dei Balcani occidentali.

Nell'eventualità si dovesse osservare una modifica dei flussi dalla Grecia, ad esempio, attraverso l'Italia, i Paesi potranno chiedere di modificare i confini interni oggetto dei loro controlli. Se invece si constatasse che si tratta di nuovi flussi, ad esempio dall'Africa sub-sahariana, i Paesi potranno ripartire con i "check" sulla base legale ordinaria, e avere così otto mesi a disposizione. Nella roadmap "back to Schengen", Bruxelles aveva già previsto una raccomandazione per permettere l'estensione dei controlli alle frontiere interne, da presentare al più tardi entro il 12 maggio. Su questo ci sarà una decisione già mercoledì prossimo. Proprio oggi la Danimarca ha deciso di prolungare di un mese, fino al 2 giugno, i controlli alla frontiera con la Germania. Il ministro danese per l'Immigrazione, Inger Stoejberg ha giustificato la misura con la necessità "di contenere il numero di profughi nel Paese". Germania e Austria invece esauriranno il tempo reso disponibile dalla base legale ordinaria, il 13 ed il 16 maggio. Intanto dal presidente federale tedesco Joachim Gauck, arriva l'appello a mantenere aperti i confini interni Ue.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina
Non sarà mai il nostro stile di vita

Un immigrato minaccia di morte il bagnino di una piscina

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU