Tutto quello che gli altri censurano

Francia, Marine sale ancora. Ecco i dati segreti

La lettera segreta del Partito Repubblicano: “Abbiamo perso il conto dei nostri militanti che rifiutano di votare Macron. Un rifiuto che i nostri dirigenti ignorano..."

Max Ferrari
Francia, Marine sale ancora. Ecco i dati segreti

L’ora della verità è stasera: il duello TV tra lo stizzito Macron e la sempre più determinata Le Pen potrebbe ribaltare i sondaggi. Che ufficialmente dicono che lui è al 59% e lei al 41% ma, se letti bene e tenuto conto degli indecisi, danno un 45 a 35 che forse è anche meno e adesso vediamo perché’. Tenete presente che questi dati li trovate solo qui, vista la censura totale, quindi farete fatica a trovare conferme. Fidatevi del sottoscritto e del Populista che finora vi ha detto solo cose vere.

Dunque: Macron, sull’orlo di una crisi isterica, ha annunciato che se Marine lo attaccherà, lascerà lo studio. Già questo non depone bene per uno che dovrebbe guidare la quinta potenza mondiale e relative forze armate con annessi ordigni nucleari. Ma questo lo diciamo noi, mentre Marine, bonaria, gli ha risposto che se lui vorrà venire in tv accompagnato dal socialista Hollande e farsi tenere per mano per sentirsi più tranquillo, per lei va bene.

Ma perché l’uomo delle banche è nervoso visto che secondo tv e giornali non esiste partita? Vediamo. Mentre tutti ci raccontano che DLF il partito sovranista di Nicolas Dupont-Aignan ha perso pezzi, lui invece, dopo aver ribadito che Macron è una marionetta della finanza, spiega sorridente che dopo l’alleanza con il Front National ha avuto un boom di iscritti paganti, oltre mille in tre giorni, quasi tutti gollisti come lui e tutti provenienti dalle fila repubblicane. Esattamente quel che voleva Marine che assolutamente doveva rompere l’accerchiamento e sfondare a destra.

Si potrà dire che sono fantasie del buon Nicolas, ma ci sono parecchi indizi che quel che dice è vero. Per esempio alla convention di Marine del Primo Maggio a Parigi c’era Bruno North, leader del CNIP, storico partito della destra repubblicana, che oggi si definisce “destra ribelle” che ebbe momenti di gloria ai tempi di De Gaulle (fu secondo partito di Francia) e poi ruppe sulla questione dell’abbandono dell’Algeria francese, ma ancora oggi raccoglie consensi tra i contadini e la piccola borghesia della Francia profonda abbandonata a se stessa. Bruno North, che al primo turno aveva fatto votare per Fillon, aveva subito detto che non lo avrebbe seguito nella deriva a sinistra e il comitato centrale del partito ha confermato: mai con Macron!

Voi direte: sì va bene, ma parliamo di piccoli partiti. Sì, ma danno un segno, aprono un sentiero e infatti (super censurata) è arrivata la lettera aperta firmata da quasi 200 giovani quadri ed eletti del partito Repubblicano, quelli che han fatto campagna prima per Sarkozy e poi per Fillon. Cosa scrivono?
“Abbiamo perso il conto dei nostri militanti che rifiutano di votare Macron. Un rifiuto che i nostri dirigenti ignorano, ma noi che per mesi abbiamo fatto campagna dura contro Macron, non possiamo ignorare. Noi come i nostri simpatizzanti non accettiamo l’ordine di votare chi ha un programma in totale contraddizione con il nostro e con la destra”. Laurent Wauquiez, un nome pesante, solleva anche un’altra questione: “adesso diventiamo macronisti e alle prossime legislative torneremo a chiedere voti a destra?” Conclusione: “noi rifiutiamo di votare e far votare Macron”.

E, per concludere, un bel sondaggio arriva dalle parti di Melenchon. Da subito abbiamo detto che non ci si potevano aspettare molti voti da lui, ma una bella astensione sì. E cosa dice il sondaggio fatto su ben 250.000 militanti melenchonisti? Il 36% voteranno nullo, il 29% si asterranno e solo il 35% voterà Macron. E Marine? L’opzione non era contemplata, ma sicuramente tra il 36% di potenziali nulli e il 29% che pensa di astenersi qualcosa arriverà. Tutto sommato potrebbe farcela? Dura, ma…sì.

Potrebbe. Quel che è sicuro è che, comunque vada, con un punteggio sopra il 40% potrà trasformare una eventuale vittoria di Macron in una vittoria di Pirro. Un mese dopo ci sono le elezioni legislative e il Front National, da primo partito di Francia potrà finalmente farsi sentire all’Assemblea Nazionale.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Afghanistan: raid americano uccide il capo dell'Isis
e meno male che i buonisti non protestano

Afghanistan: raid americano uccide il capo dell'Isis

Gloria e Marco non ce l'hanno fatta!
arrivata la conferma ufficiale della morte

Gloria e Marco non ce l'hanno fatta!


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU