Grazie al progetto "Tauros"

Sta per ritornare in vita l'Uro, leggendario antenato dei tori estinto da quattro secoli

Ottenuti animali simili a quello che era il più grande mammifero del continente europeo dopo il mammut, analizzando e incrociando il Dna di 38 razze diverse

Redazione
Sta per ritornare in vita l'Uro, leggendario antenato dei tori estinto da 4 secoli

Alcuni dei bovini liberati. Da panoramio.com

Si avvicina la "rinascita" dell'Uro, il leggendario antenato dei tori e di tutti i bovini moderni che si è estinto quattro secoli fa. La ricerca che tenta di riportarlo in vita si chiama "Tauros" e si basa su incroci genetici "a ritroso", ossia fra animali che hanno caratteristiche più simili alla specie estinta. Adesso sono state individuate le razze più simili dal punto vista genetico all'Uro, che era alto quasi due metri e pesava circa una tonnellata, e i prossimi incroci previsti si concentreranno su queste. Lo indica, secondo quanto anticipato lunedì 3 ottobre, una ricerca in via di pubblicazione sulla rivista Heredity.

Allo studio hanno contribuito gli italiani Ferdinando Ciani e Donato Matassino, del Consorzio per la Sperimentazione Divulgazione e Applicazione di Biotecniche Innovative (ConSDABI) di Benevento. Matassino è il coordinatore scientifico del progetto Tauros, che punta a ottenere "un animale simile geneticamente, fisicamente e nei comportamenti all'Uro, per ripopolare gli ambienti naturali dell'Europa Centro Settentrionale al fine di ricostruire gli antichi equilibri che sono stati alterati dall'uomo". L'Uro (Bos primigenius primigenius), infatti, manteneva in equilibrio il suo ambiente e le risorse alimentari del pascolo perché lo calpestava e impediva ai cespugli di crescere. Finora nell'ambito del progetto sono nati più di 300 bovini, 100 dei quali già liberati in Ungheria in aree controllate.

Per ottenere animali sempre più simili a quello che era il più grande mammifero del continente europeo dopo il mammut, i ricercatori hanno analizzato il Dna di 38 razze bovine e lo hanno confrontato con la mappa del Dna estratto da una carcassa di Uro. I risultati, ha detto Matassino, indicano che "le razze italiane Maremmana primitiva, Podolica (BovGrai), Chianina e la balcanica Busha sono le più simili geneticamente". Il prossimo passo sarà quindi incrociarle. Dopo la morte dell'ultimo esemplare di Uro, avvenuta nel 1627 in Polonia, sono stati molti i tentativi di riprodurre attraverso incroci l'animale leggendario, che oltre a essere imponente, aveva corna minacciose, lunghe quasi un metro e mezzo.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Il gran rifiuto di Marine, uno schiaffo alle fighette radical chic
La NASA scopre i gemelli della Terra
annuncio shock dell'ente spaziale americano

La NASA scopre i gemelli della Terra

Con Trump gli USA sulla Luna e su Marte
ripartono le esplorazioni spaziali

Con Trump gli USA sulla Luna e su Marte

Di bronchiolite si muore. Specie nei Paesi in via di sviluppo
l'allarme al congresso nazionale di Antibioticoterapia

Di bronchiolite si muore. Specie nei Paesi in via di sviluppo

Arrivano i robot umanizzati
intelligenza artificiale

Arrivano i robot umanizzati


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU