"RISORSE" VIOLENTE

Entra in casa di due stranieri e pesta i carabinieri, fermato tunisino

Arrestato con l’accusa di furto, resistenza e lesioni aggravate, si trova in carcere in attesa di processo

Redazione
Auto dei Carabinieri

Foto ANSA

Potrebbe essere legato allo spaccio di droga il motivo dell'irruzione del tunisino Zidar Hichem, 33 anni, residente a Carrè, nella casa di via Marconi 13 abitata abusivamente dai marocchini Adil Chabab di 35 anni e Mohamed Bennoune di 45. Il fatto accaduto la sera dello scorso 28 agosto ha visto il pluripregiudicato Zidar Hichem urlare, inveire e minacciare i due occupanti prima di iniziare a rompere tutto ciò che gli capitava a tiro e rubare un orologio e un bracciale d’oro.

Il caos ha fatto si che alcuni vicini chiamassero i carabinieri. alla cui vista il tunisino ha dato completamente in escandescenza aggredendo i due militari del capitano Davide Rossetti che a fatica l’hanno caricato in auto per portarlo in caserma e rinchiuderlo nella camera di sicurezza, perché in preda a una furia cieca. L'extracomunitario è stato arrestato stato con l’accusa di furto, resistenza e lesioni aggravate nei confronti dei due carabinieri intervenuti; la mattina del 29 agosto il tunisino è finito davanti al tribunale a Vicenza per il rito direttissimo.

Ma il processo è stato rinviato perché il suo avvocato, Anna Sambugaro, ha chiesto i termini a difesa. In attesa del processo Zidar Hichem è stato assegnato ai domiciliari con il braccialetto elettronico, ma essendo esauriti è entrato in carcere nell’attesa che se ne liberi uno.

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

Bello figo o brutto sbronzo?
visto da un cattolico

Bello Figo o brutto sbronzo?

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...
come james dean in gioventù bruciata

"Bello Figo"? Rappresenta il sogno degli immigrati...

Friburgo: rifugiato afghano stupra e uccide la figlia di un funzionario Ue
la vittima, volontaria di un centro accoglienza

Studentessa uccisa a Friburgo: era la figlia di un funzionario Ue


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU