la testimonianza di mons. hindo

Siria: per gli aiuti occidentali si paga il pizzo all'Isis

"Siamo circondati", afferma il presule. "A nord il confine con la Turchia è chiuso, a est ci sono l'Isis e i curdi, a ovest e a sud ancora lo Stato Islamico. Niente passa di lì, tutto giunge in aereo"

Redazione
Siria: per gli aiuti occidentali si paga il pizzo all'Isis

Una città sotto assedio, piagata dai combattimenti, circondata da ogni parte, dove il poco cibo a disposizione ha un prezzo inaccessibile per la popolazione. È la città di Hassaké, come la racconta ad Aiuto alla Chiesa che Soffre monsignor Jacques Behnan Hindo, arcivescovo siro-cattolico di Hassaké-Nisibi, arcidiocesi che comprende Raqqah, la capitale dello Strato Islamico in Siria. "Ora la situazione è più tranquilla, ma fino a qualche giorno fa non potevamo uscire di casa", riferisce il presule raccontando i lunghi giorni di combattimenti tra gli eserciti curdo e siriano iniziati il 16 agosto scorso.


"Gli scontri hanno colpito anche l'arcivescovado. Un colpo di mortaio è arrivato ad appena 40 centimetri da me". Monsignor Hindo, tramite il nunzio apostolico a Damasco, ha chiesto prima il sostegno degli Stati Uniti e poi, avvertito della presenza di un generale dell'esercito russo, della Federazione Russa. "Da diversi giorni chiedo che vengano smantellati i check-point della città, che non servono ad altro che ad alimentare le tensioni e si trovano in maggioranza nell'area abitata dai cristiani". Prima dell'inizio degli scontri tra i curdi e le forze lealiste, monsignor Hindo aveva offerto l'arcivescovado siro-cattolico come sede d'incontro per una negoziazione tra le parti finalizzata alla rimozione dei check-point, introdotti nel giugno 2015 quando lo Stato Islamico si era impadronito di gran parte di Hassaké. Ora l'Isis è a 70 chilometri. Ma pur non rappresentando al momento una minaccia diretta, gli uomini di al-Baghdadi impediscono l'arrivo di aiuti umanitari e beni di prima necessità.


"Siamo circondati", afferma il presule. "A nord il confine con la Turchia è chiuso, a est ci sono l'Isis e i curdi, a ovest e a sud ancora lo Stato Islamico. Niente passa di lì, tutto giunge in aereo. Stanno arrivando dei carichi di cibo ma non basteranno neanche per il 5% della popolazione che qui conta un milione e 200mila persone". I pochi rifornimenti che riescono a raggiungere Hassaké e Qamishli via terra, devono pagare una "tassa" allo Stato Islamico, ma spesso gli estorsori non si accontentano. "Una volta su cinque si impadroniscono comunque di tutto".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:

"Fate la carità". E in centro a Desio finisce a cazzottoni
ennesima rissa tra pakistani in brianza

"Fate la carità". E in centro a Desio finisce a cazzottoni

Mattanza di New York, i video dei passanti


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU