immigrazione violenta

Coniugi massacrati di botte. Rifiutarono l'alcool a cinque albanesi ubriachi

Il titolare dell'Osteria "La Stalletta" di Trieste e la moglie barbaramente picchiati, a calci e pugni, per essersi rifiutati di continuare a servire alcolici al gruppetto già in evidente stato di alterazione

Redazione
Massacrati di botte marito e moglie per aver rifiutato altro alcool a cinque albanesi ubriachi

Foto da facebook

Notte da incubo quella vissuta la notte di venerdì 26 agosto da Arles Musto, titolare dell'Osteria "La Stalletta" di San Giacomo, in via Giuliani a Trieste, e da sua moglie Alessandra. Tutto succede in un attimo: un gruppo di cinque albanesi, già alticci, chiedono da bere, il Musto si rifiuta facendo notare al gruppetto che non era il caso visto lo stato di evidente alterazione dovuta al troppo alcool e, i cinque, senza pensarci troppo, iniziano a aggredire e picchiare i due poveri titolari. Tra gli aggressori, alterati, risulterebbe anche una donna. Sul posto è intervenuta, chiamata da qualche passante, una volante della Polizia che ha fermato la mattanza, identificato e denunciato gli aggressori, per lesioni e danneggiamento al locale.


È stato lo stesso titolare a divulgare su Facebook le scioccanti immagini del proprio volto contuso e di quello della moglie, ricoverati entrambi all'Ospedale di Cattinara per gli accertamenti e le cure del caso: "All'inizio avrei voluto rispondere ai colpi con colpi ancora più forti, ma era la rabbia a parlare. Poi guardando mia moglie ho capito che avrei fatto il loro gioco ed avrei messo in pericolo ancora di più la sua e la mia vita. Mentre venivo pestato a calci e pugni a terra, abbracciata a me, c'era mia moglie che cercava di proteggermi", prosegue il post del barista che ha ricevuto tantissimi commenti di solidarietà e condanna per quanto accaduto.


"Sinceramente", prosegue Arles, "non amo molto i social ma credo che si possano usare anche per scopi più utili della foto di una birra con sfondo panoramico, quindi ho deciso di rendere pubblico cosa sono riuscite a fare un pugno di persone che decidono di organizzare un pestaggio gratuito mentre stavo lavorando nel mio locale".

LIBERA LA BESTIA CHE C'È IN TE!

Contribuisci anche tu alla sezione LIVE NEWS, inviandoci un video, una foto o un articolo!

partecipa inviandoci i tuoi:


MC S.R.L.
sede legale: via angelo maj, 24 - 24121 Bergamo
C.f./P.IVA: 04061980167 - R.E.A.: BG-431792
Email: INFO@ILPOPULISTA.IT

direttore: alessandro morelli
condirettore: matteo salvini

ILPOPULISTA.IT È UNA TESTATA TELEMATICA REGISTRATA PRESSO IL TRIBUNALE DI MILANO, N. 121 DEL 27/04/2015

per i tuoi annunci: PUBBLICITA@MC-SRL.EU